Genere
ND
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Videogame.it

Videogame.it Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Edizioni Master
Sviluppatore
GamesIdea 2.0
Lingua
Tutto in italiano

Link

Intervista

ScudettoWeb arriva in Zona X!

Grandi novità sono attese per il decimo anno.

di La Redazione, pubblicato il

Per più di un mese gli utenti di ScudettoWeb hanno visto delle immagini che annunciavano l’arrivo di un fantomatico ScudettoWeb X. Abbiamo incontrato Andrea Orchesi, direttore dell’area tecnica di Oku Studio e ideatore del gioco, e Daniele Grassi, lead programmer, per scoprirne di più e per farci raccontare i segreti del loro gioco...

Nextgame.it: Ciao Andrea, come gli altri visitatori del sito di ScudettoWeb abbiamo visto i vostri teaser per ScudettoWeb X, le schermate che annunciavano il lancio di un nuovo gioco. La prima cosa che devo chiederti è quindi ovviamente: cos’è questo ScudettoWeb X?

Andrea: Beh, anzitutto direi che è il caso di chiarire che ScudettoWeb X non è un nuovo gioco. ScudettoWeb è un gioco estremamente fresco e all’avanguardia e quindi si fa presto a dimenticare che ha esordito nella stagione 2001/2002. ScudettoWeb X è di fatto proprio il progetto per festeggiare il decimo anno del nostro gioco e non sarà certo solo un’occasione di auto celebrazione. Certo, avremo interviste, contributi dai nostri utenti, “dietro le quinte” e altro ancora, ma avremo soprattutto una gigantesca operazione di rinnovamento che passerà attraverso 10 grandi e importanti novità al gioco. Nulla, come dice una delle nostre anteprime, sarà più come prima...

Nextgame.it: Facciamo anzitutto chiarezza per i lettori che ancora non conoscono bene o non hanno scoperto il vostro gioco. ScudettoWeb è un fantacalcio?

Andrea: No, è un fantasport di calcio. E non è una questione squisitamente semantica. Il fantacalcio è un gioco che ha alcune caratteristiche eccellenti, come la semplicità, l’immediatezza e l’illusione di stare gestendo una squadra senza sforzi. Il fantacalcio però non è un manageriale, nel modo più assoluto. ScudettoWeb lo è, e inoltre per aumentare il realismo usa le prestazioni reali dei giocatori per calcolare i risultati delle partite. Per capire la differenza fra un fantacalcio e ScudettoWeb io faccio sempre un semplice esempio: immagina due squadre disposte su due campi a migliaia di chilometri di distanza. Quello è il fantacalcio: ogni squadra ha prestazioni completamente indipendenti dall’avversario. Immagina ora una normale partita di calcio, in cui le due squadre giocano sullo stesso campo e si affrontano. Quello è ScudettoWeb: le squadre si affrontano davvero.

Nextgame.it: Come spiegavi, ScudettoWeb è un gioco davvero innovativo anche dal punto di vista tecnico. Daniele, tu sei lead programmer del gioco dalla sua nascita, ne conosci ogni segreto e soprattutto eri lì quando è nato, sei un po’ il padrino di questa creatura, giusto?

Daniele: Eh eh, beh, sì, diciamo che qualche ora ce l’ho dedicata...

Nextgame.it: Ecco, Andrea parlava di rivoluzioni tecniche, di cosa si tratta esattamente?

Daniele: Lascio un attimo da parte il motore di calcolo del gioco, del quale credo voglia parlarti Andrea e che dal punto di vista delle tecnologie Web non è molto pertinente. Ti parlo invece di quello che riguarda proprio l’aspetto più legato a Internet. Anzitutto, beh, Director, il programma di progettazione multimediale, è il cuore di questo gioco. Ci serviva qualcosa che permettesse di fare avere ai nostri manager, gli utenti, un’applicazione quanto più simile, dal punto di vista tecnico, ai giochi “offline”. Director, via Shockwave, era la soluzione. Avevamo già usato Director per realizzare il quiz Millennio. Per farti capire la complessità delle problematiche che il progetto poneva, a volte incontravamo ostacoli che esperti americani del software non erano in grado di risolvere.

Nextgame.it: Alla fine però evidentemente ve la siete cavata...

Daniele: Decisamente. Fu estremamente faticoso ma riuscimmo a mettere in piedi i quattro pannelli del gioco (l’asta precampionato, la tattica, il mercato e la partita) in un modo che non ci saremmo neanche sognati all’inizio del progetto. E senza compromessi, perché se devo dire che è pesante lavorare per una persona come quella seduta qui al mio fianco, la soddisfazione a progetto finito è tanta, perché senza compromessi nella qualità del prodotto si arriva a creare qualcosa che sappiamo che i nostri utenti adoreranno.

Nextgame.it: Andrea, ti chiedo allora di continuare a parlare di traguardi, ma in questo caso di gameplay. Chi ha giocato almeno un po’ a ScudettoWeb deve ammettere che tutto sembra fuorché un gioco in cui si fanno delle semplici somme, come è il fantacalcio.

Andrea: Esatto. Voglio però fare prima una precisazione. Il fantacalcio può essere un gioco divertente e ci ho giocato anche io. Trovo che l’idea sia geniale. Semplicemente ScudettoWeb è un passo oltre, è il calcio. Il suo primo cavallo di battaglia è il fatto che le squadre si affrontano davvero, come ti dicevo. Questo è il cuore della bellezza di ScudettoWeb. Ogni squadra lavora a fasi: fase di costruzione e fase di filtro, fase di attacco e fase di difesa. Ognuna di questa fasi è divisa per zone del campo: centrale e di fascia. Quindi quando una squadra costruisce il gioco, lo fa con un certo numero di giocatori (tipicamente il centrocampo e parte della difesa), contrastati dagli avversari del reparto relativo. Quando attacca lo fa con altri giocatori (attacco e trequarti) e viene contrastata dai difensori avversari. Non ti annoio con i tecnicismi ma ti faccio un semplicissimo esempio. Nel fantacalcio non puoi usare qualsiasi schema vuoi. Il motivo è semplice: se fosse possibile, tutti schiererebbero 11 attaccanti o quasi, visto che sono i giocatori che possono prendere modificatori migliori. Se fosse possibile schierarli nella realtà, però, la squadra con 11 attaccanti prenderebbe sonore ripassate. In ScudettoWeb, pure limitando gli schemi a quelli che vengono effettivamente usati in realtà, i manager possono schierare persino il 2-5-3. Il risultato è che chi schiera questo modulo sarà molto forte in attacco ma naturalmente estremamente debole in difesa. Proprio come nel calcio. E questo ha ramificazioni ancora maggiori. Immagina di avere 3 punti di vantaggio sulla seconda squadra in campionato all’ultima giornata. Nel fantacalcio giochi l’ultima partita come le altre e attendi i risultati, non puoi fare nulla tatticamente parlando, se non cercare di schierare, come sempre, i migliori giocatori possibili. In ScudettoWeb invece puoi scegliere per esempio di schierare un 4-5-1 molto coperto, col risultato che puoi cercare di strappare un pareggio che basta per la vittoria del tuo scudetto.

Nextgame.it: Parliamo allora di ScudettoWeb X. Cosa ci aspetta?

Andrea: Beh, ScudettoWeb X inizia oggi, con l’apertura di un “microsito” dedicato proprio al progetto, all’indirizzo scudettoweb.videogame.it/x. Il sito sarà il punto di riferimento per tutte le iniziative legate al progetto. Anzitutto da qui al 23 aprile pubblicheremo i segreti del gioco, le interviste ai VIP di ScudettoWeb, i diari dei manager più vincenti e collegamenti ad articoli che parlano del nostro gioco. Il 23 aprile invece inizierà la parte più ricca, in termini di novità, del progetto, con la pubblicazione ogni settimana di una novità per la stagione 2010/2011. Per 10 settimane, 10 come gli anni del nostro gioco, i visitatori del sito potranno scoprire una nuova importante modifica di cui potranno godere con la nuova stagione. In più ogni settimana troveranno dettagli aggiuntivi su modifiche già annunciate.

Nextgame.it: Senza svelarci nulla, ma sbilanciandoti almeno un po’... cosa possono aspettarsi i manager di ScudettoWeb? Si tratta di modifiche marginali o di cose importanti?

Andrea: Beh, diciamo che a parte il motore del gioco, tutto può essere…

Nextgame.it: Addirittura?


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!