Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Videogame.it Awards

Video Articolo

Quarto posto

Heavy Rain: Non può piovere per sempre. Ma intanto...

di La Redazione, pubblicato il

Dopo svariati tentativi più o meno infruttuosi, Quantic Dream è riuscita nell'opera omnia di far risorgere la categoria dei film interattivi, puntando sull'atmosfera unita alle citazioni dalle serie TV e all'attuale febbre dei comandi "gestuali". Heavy Rain, quasi due milioni di pezzi dopo, appare come uno dei maggiori successi dell'anno passato nonostante la forte diffidenza che l'ha preceduto e le solite critiche sulla mancanza di spessore unita a un gameplay che quasi non esiste. L'ultima osservazione ha un fondo di verità, se pensiamo al numero di Quick Time Event e alla loro insistenza, uniti a una struttura lineare all'inverosimile e una brevità innegabile nonostante i finali multipli. Ma la cura nello sviluppo dei personaggi, oltretutto ben doppiati anche in Italiano, e l'attenzione a ogni più piccolo dettaglio narrativo ne fanno un pezzo da novanta del catalogo PS3. Potreste non considerarlo il miglior titolo uscito nel 2010 sotto marchio Sony, ma di certo è il miglior film che potete vivere, non solo guardare.

Alessandro Martini

La prima volta che intervistai David De Gruttola, mi sembrò avere delle idee interessanti, mi fece venire una gran voglia di giocare Fahrenheit, mi diede l'impressione di essere un po' presuntuoso. Un mese dopo arrivò Fahrenheit, un gioco che nella prima oretta sembrava un paradiso digitale con pochissime crepe e che poi, neanche troppo lentamente, rotolava in maniera impietosa verso l'inferno delle porcherie. Fiero di essere stato fra i pochissimi al mondo ad assegnarli un'insufficienza (tié), fra l'altro usando le stesse argomentazioni di chi lo premiava con 8 e 9 assortiti, ho incassato la delusione, discusso della cosa su tutti i forum del pianeta e tirato avanti.

Cinque anni dopo, approccio Heavy Rain con un po' di aspettative, tanta voglia di crederci, l'inevitabile base di sospetto. E cosa succede? Succede che l'altra settimana – ma sì, sputtaniamoci – nel votare per i premi di Videogame.it, lo metto al primo posto fra i giochi PS3 e al quinto nella classifica assoluta. E tutto questo senza considerarlo neanche degno di nomination nella votazione per la miglior sceneggiatura. Sono psicopatico? Sì. Però è vero: Heavy Rain mi è piaciuto, molto, nonostante continui a pensare che Cage sia uno sceneggiatore e un regista scolastico e mediocre. E un po' troppo furbetto e scorretto nel girare attorno all'identità dell'assassino, per quanto comunque abbastanza bravo nell'orchestrare le tante piccole possibili diramazioni (forse il maggior pregio dello script). E pure volgarotto. E insomma, le sue creature guadagnerebbero tantissimo se si facesse un bagno d'umiltà e le lasciasse scrivere ad altri. E allora? E allora – tenetevi – Heavy Rain mi è piaciuto per il suo essere un gioco.

Per il modo in cui lavora con l'interazione, con le piccole cose, con il lasciare in mano al giocatore la caratterizzazione dei personaggi non tramite le GRANDI SCELTE MORALI IN CUI DECIDI IL DESTINO DELL'UNIVERSO ma attraverso un semplice gesto, un atto d'attenzione, la voglia di perdere tempo con la barbosa quotidianità creando un legame emotivo fra i personaggi. La capacità di far dare una forte impronta personale e d'immedesimazione a chi si sta interpretando in maniera subliminale e quasi impercettibile, creando un “microracconto” che non va comunque a stravolgere il “macroracconto”. La giustamente celebratissima scena del centro commerciale, certo, ma anche altre piccole cose sparse qua e là, come quella domanda alla stazione di polizia che mi ha improvvisamente gelato e fatto sentire in colpa. La voglia di inseguire un'idea e, questa volta, di inseguirla in maniera coerente.

Io, nonostante i millemila difetti di Heavy Rain, un altro gioco di David Cage lo voglio giocare. E non perché sia il futuro, non perché non mi piaccia il mondo dei videogiochi attuali, non perché tutto il resto debba sparire. No no, mi va bene anche tutto il resto. Mi piace anche tutto il resto. Ma mi piace che ci sia anche questo, vivaddio.

Magari scritto da qualcun altro, però.

Andrea Maderna

Ho figli, piccoli, e l’inizio di Heavy Rain mi ha messo molto a disagio. Non solo perché è lento, ma per i temi toccati e per il fatto che gli attori, per quanto ben realizzati, alla fine rimangono pur sempre dei fantocci poligonali, sottraendo quel briciolo di umanità a una vicenda terribilmente cruda. Poi arriva Madison Paige in mutande e il gioco si risolleva alla grande. La prima sequenza in cui compare la mora l’ho fatta anche vedere e rivedere a lezione. Un piccolo cult. A dirla tutta, però, il gioco non decolla mai veramente, e per ogni alto c’è almeno un basso che controbilancia l’esperienza. Volete tutta la verità: non l’ho mai finito! Ci sono arrivato vicino, ma poi non ho avuto il coraggio (per paura di essere deluso) e la costanza per riprenderlo in mano. Ma l’ho ricominciato quando è arrivato Move, nella speranza di poterlo usare anche come ombrello. Che ci crediate o meno, è ancora lì, sulla mensola, accanto al televisore, nella pila dei giochi da finire, chissà che dopo questo non mi ritorni la voglia di ributtarmi sotto la pioggia battente...

Francesco Alinovi

Nonostante la mia fidanzata (medico ospedaliero) abbia a che fare tutti i sacrosanti giorni con morte, dolore e sofferenza, Heavy Rain è ugualmente riuscito a condurla in un'incontrollabile valle di lacrime. Più bambini le morivano annegando nei tombini, più il trucco le si scioglieva sulle guance, mentre l'eyeliner colato l'aveva già conciata peggio di Merilimmenson. Del resto Marshal McLuhan scrisse che giochi e tecnologie sono estensioni revulsive dell'uomo, ovvero modi di adattarsi allo stress delle azioni specializzate che si manifestano in qualsiasi gruppo sociale. In quanto estensioni della reazione popolare allo stress del lavoro, i giochi diventano modelli fedeli di una cultura. Ecco perché Heavy Rain ha funzionato perfettamente con lei, mentre con me (videogiocatore punk) è andato a vuoto. L'ho attentamente studiato, conosco tutte le sue meccaniche ludiche e ne riconosco il chiarissimo portato innovativo, ma quando discendo nel virtuale continuo a prediligere diversivi leggeri, più divertenti da giocare che angoscianti da viversi. Eppure serve abituarsi a tanto più dolore per riuscire a provarne sempre meno. Level-up per Myriam, dunque, che un giorno la ritrovai rannicchiata sul divano, col pad in mano e il plaid tutto fradicio di pianto, che riusciva a singhiozzare solamente questo: "sono morti tutti, è solo colpa mia".

Lorenzo Antonelli


Commenti

  1. Meshuggah 81

     
    #1
    Classifica che non mi trova d' accordo (Halo Reach troppo in basso, Heavy Rain quarto posto?) e la mancanza di Vanquish è una di quelle cose che mi legherò al dito ed ogni tanto vi rinfaccerò.
    :*
  2. Bruce Campbell87

     
    #2
    bella classifica dai, secondo me molto corretta. Poi le posizioni va beh.
  3. Nick_Storm

     
    #3
    Non me ne vogliate, ma sono rimasto un pò :-| dalla classifica. Visto l'andazzo delle altre categorie pensavo che nextgame facesse una cosa coraggiosa per far parlare di sè, un pò alla edge. Invece no...che sò tipo un Heavy Rain come gioco dell'anno e un galaxy bistrattato al decimo posto. Oppure il gow per psp (che sembra come il prezzemolo, e non ne capisco il perchè).

    E ovviamente non mi trovo daccordo con nessuna posizione.

    Questa cmq è la mia top dell'anno.

    1 FFXIII
    2 RDR
    3 AC Brotherhood
    4 COD Black Ops
    5 POP Le Sabbie Dimenticate
    6 RE 5 Gold Edition (espansione Incubo Senza Uscita)
    7 Kingdom Hearts Birt By Sleep
    8 Metroid Other M
    9 Lara Croft And The Guardian Of Light
    10 Bayonetta

    Ovviamente da bravo spaccapalle quale sono ho dovuto stillare la mia lista del 2010.
  4. Bruce Campbell87

     
    #4
    Nick_Storm ha scritto:
    Non me ne vogliate, ma sono rimasto un pò :-|  dalla classifica. Visto l'andazzo delle altre categorie pensavo che nextgame facesse una cosa coraggiosa per far parlare di sè, un pò alla edge. Invece no...che sò tipo un Heavy Rain come gioco dell'anno e un galaxy bistrattato al decimo posto. Oppure il gow per psp (che sembra come il prezzemolo, e non ne capisco il perchè).
    E ovviamente non mi trovo daccordo con nessuna posizione.
    Questa cmq è la mia top dell'anno.
    1 FFXIII
    2 RDR
    3 AC Brotherhood
      ci sono due intrusi, è una classifica di videogiochi. :cool:
  5. Nick_Storm

     
    #5
    Bruce Campbell87 ha scritto:
    ci sono due intrusi, è una classifica di videogiochi. :cool:
     e lo sono, non sò se te ne sei accorto ma il videogioco è cambiato. Non è più solo Mario. A me onestamente i giochi che sono solo gameplay non piacciono più molto. Ci voglio storie e situazioni varie, che siano tramite cutscene o no non mi interessa. Mi devono emozionare, se non mi emoziona lo passo volentieri. Forse la rara eccezione è Elder Scrolls, perchè ha quelle storielle banali che non interessano quasi per niente, ma ha quel gameplay che per uno che è cresciuto a Magic e D&D è tanta roba.

    Se poi vogliamo mettere un gioco come AC Brotherhood (giocato da 4 gatti qui dentro, ma un gioco coi contro cazzi...provare per rendersene conto) a non essere un videogioco... R* dovrebbe essere fallita. Non sarebbe un VG nessun GTA, nessun RDR ecc...insomma R* sarebbe bistrattata. Il gameplay di ACB è proprio cresciuto, è vario, divertente e il gioco stesso ha più sfide (si, si possono fallire svariate volte delle missioni), e l'online del titolo è sicuramente il più innovativo dell'anno.
  6. Stefano Castelli

     
    #6
    Nick_Storm ha scritto:
    Non me ne vogliate, ma sono rimasto un pò :-|  dalla classifica. Visto l'andazzo delle altre categorie pensavo che nextgame facesse una cosa coraggiosa per far parlare di sè, un pò alla edge.
    ???
    La classifica è basata su votazioni nella redazione. Cioè, non è che qualcuno si è messo li a dire "Questo è primo, questo è secondo..." arbitrariamente. Si è fatta una somma dei voti ed è uscita fuori la classifica.
  7. DevilRyu

     
    #7
    Nick_Storm ha scritto:
    Non me ne vogliate, ma sono rimasto un pò :-|  dalla classifica. Visto l'andazzo delle altre categorie pensavo che nextgame facesse una cosa coraggiosa per far parlare di sè, un pò alla edge. 
     Che andazzo? oltre a te che ti lamenti in ogni topic non vedo nient'altro
    Se far parlare di se vuol dire ridicolizzarsi alla edge, son contento che non lo abbiano fatto
    .
    E poi fattene una ragione, ffxiii è una cifoeca! :D
  8. giopep

     
    #8
    Nick_Storm ha scritto:
    Non me ne vogliate, ma sono rimasto un pò :-| dalla classifica. Visto l'andazzo delle altre categorie pensavo che nextgame facesse una cosa coraggiosa per far parlare di sè, un pò alla edge. Invece no...che sò tipo un Heavy Rain come gioco dell'anno e un galaxy bistrattato al decimo posto. Oppure il gow per psp (che sembra come il prezzemolo, e non ne capisco il perchè).
    E ovviamente non mi trovo daccordo con nessuna posizione.
    Questa cmq è la mia top dell'anno.
    1 FFXIII
    2 RDR
    3 AC Brotherhood
    4 COD Black Ops
    5 POP Le Sabbie Dimenticate
    6 RE 5 Gold Edition (espansione Incubo Senza Uscita)
    7 Kingdom Hearts Birt By Sleep
    8 Metroid Other M
    9 Lara Croft And The Guardian Of Light
    10 Bayonetta
    Ovviamente da bravo spaccapalle quale sono ho dovuto stillare la mia lista del 2010.
    Vado per punti ché magari limito il wall of text.
    1. Tranquillo, non te ne vogliamo, ognuno ha diritto alla sua opinione :)
    2. Non ci interessa fare una cosa coraggiosa per far parlare di noi, ma esprimere con sincerità le nostre opinioni. Detto questo, magari sbaglio, ma io ho visto dovunque premiati God Of War III (da noi neanche in classifica) e soprattutto Red Dead Redemption, quindi volendo Mario potrebbe anche essere considerata una scelta coraggiosa. :D Non dico non l'abbia premiato nessuno (mi viene in mente Destructoid), però, insomma, non mi pare la scelta più facile. In ogni caso, con Limbo fra i primi dieci (lasciando fuori Kratos ed Ezio, per dire) e Bayonetta terza, mi sembra che la nostra quota di scelte "discutibili" ci sia . Pure Heavy Rain, dai! :)
    3. God Of War PSP l'abbiamo prezzemolato perché secondo noi è un gran gioco. Non sei d'accordo? Beh, non c'è nulla di male. Del resto mi sembra evidente che non siamo d'accordo anche su Final Fantasy XIII. :)
    4. Riguardo a quel che dici nell'altro post, sulla voglia di avere giochi che siano anche narrazione, con me sfondi una porta aperta: per me i videogiochi sono anche (soprattutto?) narrazione da sempre. Io pure quando da piccino giocavo in sala giochi a Bubble Bobble, volevo arrivare in fondo per scoprire come sarebbe andata a finire. :) Eppure, nonostante questo, Mario Galaxy 2 è il mio gioco dell'anno. Evidentemente è perché lo ritengo davvero fuori scala.
    5. Mi sembra limitante sostenere che il videogioco moderno debba seguire solo la scuola che interessa a te, non credi? Non vedo perché non debba esserci posto anche per giochi in cui conta solo (o soprattutto) il gameplay. Tanto più che i numeri parlano chiaro in questo senso: il successo del gioco online, dei giochi sportivi, dei Mario... assieme a tanta gente che vuole la narrazione, c'è tanta gente che vuole giocare e basta.
    6. Credo sia ingeneroso, comunque, sostenere che la nostra classifica sia solo dalla parte del gameplay perché abbiamo dato la vittoria a Mario. C'è Red Dead al secondo posto, Heavy Rain al quarto, Alan Wake al quinto, mi sembra che entrambe queste anime del videogioco siano ben rappresentate, non credi?
    7. A proposito, non è vero che non sei d'accordo con nessuna posizione: Red Dead Redemption al secondo posto. ;)
    8. Magari sbaglio, ma alla luce del punto 6 ho l'impressione che più che altro ti abbiano dato fastidio la vittoria di Mario e l'esclusione di Final Fantasy e Assassin's Creed. Sbaglio? :)
    9. Ma nessuno che commenta lo speciale? È stata una faticaccia coordinare tutti e assemblarlo e ne vado piuttosto orgoglione.
    10. No, niente, è che volevo arrivare a dieci
  9. giopep

     
    #9
    Bruce Campbell87 ha scritto:
    bella classifica dai, secondo me molto corretta. Poi le posizioni va beh.
     Ah, ecco, una cosa importante: il fatto di aver impostato il tutto a classifica, via, è più che altro una questione di "spettacolo". Il punto è che sono i nostri dieci giochi dell'anno (e che gli altri dieci in nomination, pure, buttali :D), perché poi molte posizioni sono state decise davvero di un soffio. Per esempio è stata gran lotta fra i primi due, come nelle posizioni dalla quarta alla sesta e nelle ultime quattro. :)
  10. link74

     
    #10
    La descrizione fatta da Simone Soletta per Mario Galaxy 2 e' a tratti commovente.Davvero.
Continua sul forum (187)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!