Genere
Guida
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
99.000 lire
Data di uscita
6/10/2001

Wacky Races - Le Nuove Avventure di Dastardly & Muttley

Wacky Races - Le Nuove Avventure di Dastardly & Muttley Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Infogrames
Genere
Guida
Data di uscita
6/10/2001
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
4
Prezzo
99.000 lire

Lati Positivi

  • Grafica fedele al cartoon
  • Sonoro eccellente
  • Molto longevo

Lati Negativi

  • Vetture sbilanciate tra loro
  • Tecnicamente poco impressionante

Hardware

E' richiesta una PlayStation 2 PAL. Il gioco occupa 216 Kb su Memory Card per i salvataggi. E' supportato il Multi-Tap per le sessioni multiplayer in quattro.

Multiplayer

Fino a quattro giocatori possono sfidarsi nel gioco, tramite split-screen eprevio spossesso di un Multi-Tap.

Link

Recensione

Wacky Races - Le Nuove Avventure di Dastardly & Muttley

Una delle più folli serie di cartoni animati degli anni settanta arriva sugli schermi di PlayStation 2. I corridori più strani del mondo gareggiano nuovamente sui colorati circuiti preparati da Infogrames. Riuscirà questo nuovo videogame a ricreare l'esilarante atmosfera dello storico cartoon di Hanna & Barbera?

di Stefano Castelli, pubblicato il

Nella vastissima produzione di cartoni animati dei geniali Hanna & Barbera un posto di particolare importanza è sicuramente occupato dalla serie de "Le Corse Pazze", il cui titolo originale è appunto "Wacky Races": questo singolare cartone animato racconta dell'eterna gara disputata tra dieci piloti (e team) decisamente particolari, a bordo di altrettante vetture non propriamente "standard". Tra emuli della famiglia Addams, scienziati pazzi e taglialegna motorizzati spiccava la figura dello sfigatissimo Dick Dastardly, sleale pilota della missilistica auto Doppio-Zero, accompagnato dal fedele (?) e ridacchiante cane Muttley. Ora questi indimenticabili personaggi rivivono su PlayStation 2 grazie alla conversione da parte di Infogrames del simpatico racing game già apparso su PlayStation, Dreamcast e PC lo scorso anno.

UNA MANICA DI MATTI

Tutte le vetture e i personaggi del cartone animato sono arrivati sani e salvi in questa versione videoludica. Sicuramente gli amanti del cartone animato non avranno bisogno di presentazioni, ma per tutti gli altri ecco una lista dei loschi figuri che si aggirano sulle strade di Wacky Races. Innanzitutto, per cavalleria, si parte con Penelope PitStop, bionda pilota a bordo della fioccosa "La Rosa Cipria", sempre alle prese con la sua acconciatura. Segue il suo eterno pretendente, Peter Perfect, alla guida della sprintosa (e gommosa) Turbo Terrific. Dall'età della pietra arrivano i pelosi fratelli Slag piloti della giurassica "Macigno-Mobile", mentre dalle rigogliose foreste del Canada giunge il taglialegna Rufus Ruffout (accompagnato dal suo amico castoro Dente Di Sega), conducente della rustica "Spaccatutto". A movimentare ulteriormente le cose ci si mette il gangster Clyde con la sua banda di nanetti (praticamente la versione mafiosa de "I Sette Nani". Biancaneve non approverebbe...) a bordo de "La Blindata". Il sergente Blast e il soldato Meekly disertano le forze armate per partecipare a bordo della bellicosa "Armata Speciale" (praticamente un piccolo carro armato, con tanto di torretta). Ben più tranquilli sono Placido e il suo orso Bubba, piloti de "L'Insetto Scoppiettante" (particolarissima vettura a vapore...). Il cupo "Diabolico Coupé", chiaro omaggio alla Famiglia Addams, è invece pilotato dai macabri Mentus e Tappus (nonché infestato da una notevole quantità di presenze soprannaturali). Non selezionabili all'inizio del gioco ci sono anche tre ulteriori piloti, quali il Professor Pat Pending (conducente e inventore della polimorfica "Omniconvertibile"), il barone Red Max (alla guida del "Barone Rosso", versione leggermente riadattata di un biplano della prima guerra mondiale...) e gli immancabili Dick Dastardly e Muttley, a bordo della minacciosa auto "Doppio Zero". Chiaramente, ce n'è per tutti i gusti!

MUTTLEY, FA' QUALCOSA!

Vediamo chi indovina che genere di videogame può essere tratto da un cartone animato come "Le Corse Pazze"... chi ha detto "Un gioco di corse"? Indovinato, Wacky Races - Le Nuove Avventure di Dastardly & Muttley è in effetti l'ennesimo racing-game basato su personaggi strani, che si va ad affiancare alla schiera di emuli di Super Mario Kart. Tuttavia il particolare fascino del cartone animato rende il gioco particolarmente interessante, fornendogli una personalità ben chiara e un carisma non indifferente. Oltre alle canoniche modalità di gioco presenti in giochi simili (arcade, corsa a tempo...) Wacky Races - Le Nuove Avventure di Dastardly & Muttley comprende una divertente e articolata opzione chiamata "Avventura", nella quale il giocatore dovrà andare in cerca delle gare da affrontare in un paesaggio 3D, per guadagnare alcune "stelline" che gli garantiranno l'accesso a percorsi più avanzati del gioco. Oltre a raccogliere le stelle il giocatore dovrà poi affrontare nuovamente i circuiti per raccogliere altrettanti cronometri (tramite alcune gare a tempo) e poi percorrerli nuovamente in altre due modalità di gioco, per accumulare altri "bonus": tutti questi oggetti potranno poi essere utilizzati per rivelare aspetti segreti del gioco (come nuove piste), assegnare nuove mosse speciali alle vetture ed eventualmente sbloccare i tre personaggi inizialmente non selezionabili (tra i quali spicca l'interessantissimo Dick Dastardly). Non mancano inoltre le modalità dedicate al multiplayer, che permetteranno ai giocatori (al massimo quattro e tramite Multi-Tap) di sfidarsi su tutte le piste disponibili, tramite split-screen. Purtroppo non è possibile impersonare più volte lo stesso pilota, per cui state pur certi dello scoppio di vere e proprie risse per la possibilità di mettersi alla guida della vettura preferita.

TUTTO E' LECITO

L'aspetto più divertente di Wacky Races - Le Nuove Avventure di Dastardly & Muttley è da ricercare nella "personalità" dei singoli corridori e di conseguenza nelle relative caratteristiche delle loro vetture. Ciascuna delle "auto" è infatti dotata di caratteristiche proprie, definite da tre diversi parametri (accelerazione, velocità e stabilità). Inoltre ogni corridore è munito di proprie tecniche speciali da utilizzare durante le gare: queste "mosse speciali" sono estremamente varie e fantasiose, e spaziano da semplici super-accelerazioni a veri e propri attacchi fisici contro gli avversari. Inizialmente ciascun corridore è dotato di sole tre mosse speciali, ma giocando a fondo nella modalità "Avventura" sarà possibile apprendere nuovi "poteri", dagli effetti sempre più assurdi (ed eventualmente utili). In ogni caso per ciascuna gara si potranno installare sulla vettura (legati ai tasti Cerchio, Triangolo e Quadrato) tre soli meccanismi, per cui sarà necessario scegliere con molta cura l'equipaggiamento più adatto alla pista. L'utilizzo in pista dei poteri speciali è regolato da apposite "monete", che una volta raccolte in numero sufficiente fungeranno da "munizioni" per i marchingegni. (Ciascuna mossa speciale ha un proprio costo, che varia da una a cinque monete). Nononstante gli sforzi degli sviluppatori per creare una situazione di equilibrio però alcuni dei corridori appaiono avvantaggiati rispetto agli altri grazie a capacità speciali decisamente più efficaci (anche a parità di "costo" in monetine). Molto simpatica l'idea di rilasciare immediatamente le monete al momento del loro utilizzo, con grande gioia dei corridori più arretrati che hanno così il modo di recuperarle al volo e usarle a loro volta.

FOLLE STILE DI GUIDA

Sebbene l'aspetto "cartoonesco" possa far pensare a uno stile di guida estremamente semplice e poco impegnativo, Wacky Races stupisce sotto questo aspetto presentandosi dotato di una complessità dei comandi tutta da assorbire e padroneggiare. Senza considerare tutte le varie implicazioni legate ai poteri speciali delle vetture, il gioco mette a dura prova l'abilità del giocatore affidandogli il pieno controllo dell'auto: ad acceleratore e freno si affianca infatti un provvidenziale freno a mano di grande utilità in larga parte delle piste (alcune delle quali paiono seriamente studiate per mettere in crisi le sterzate del giocatore, con grande abbondanza di curve a gomito e inversioni di marcia improvvise). Mettersi a guidare semplicemente pigiando sull'acceleratore è dunque da escludere, e molto spesso capiterà di dover utilizzare la triste retro-marcia per rimettersi in pista dopo chissà quale improvvisa gitarella fuori dal percorso. La versione PlayStation 2 del gioco tende a sottolineare ulteriormente le caratteristiche delle auto (rappresentate con tre diversi valori: velocità, stabilità ed accelerazione), rendendo ciascuna vettura sensibilmente diversa dalle altre. Purtroppo questo porta ad alcuni chiari scompensi nelle gare multiplayer, in cui talune auto sono chiaramente avvantaggiate su determinati tipi di percorso, sbilanciando lo spirito della competizione: sotto questo aspetto le precedenti versioni per PC e Dreamcast appaiono leggermente più equilibrate.

WACKY PLAYSTATION 2

Nella trasposizione per PlayStation 2, Wacky Races - Le Nuove Avventure di Dastardly & Muttley ha guadagnato una piccola dose di impatto visivo rispetto alle precedenti versioni per PC e Dreamcast grazie a un paio di effetti aggiuntivi, come particolari trasparenze sparse un poco ovunque e soprattutto a una maggiore fludità, ottima anche nei segmenti di gara particolarmente affollati, in cui accade davvero di tutto. Chiaramente il gioco non sfrutta eccessivamente la potenza di PlayStation 2, ma di fronte a una così fedele riproduzione di personaggi e vetture (coadiuvata da un buon uso del Cel-Shading) si può chiudere un occhio e gustarsi una grafica semplice ma particolarmente divertente e gradevole. Buona anche la resa grafica del gioco durante le partite in multiplayer, sebbene si noti in questo caso un certo calo di dettaglio e fluidità. Grandioso è invece l'accompagnamento sonoro del gioco, non tanto per le buone musiche e gli effetti, ma grazie a un doppiaggio abbastanza fedele alle storiche telecronache che accompagnavano le corse televisive di Wacky Races. Insomma, sotto un profilo puramente multimediale, il gioco riesce bene le difficile intento di ricreare in maniera convincente il feeling della serie televisiva. Ora bisogna sperare che Infogrames metta le mani sui diritti di Gattiger o Ken Falco... non si sa mai!

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Wacky Races - Le Nuove Avventure di Dastardly & Muttley non farà certamente parlare di se per il suo aspetto grafico o per la sua originalità: si tratta però di un gioco godibile, longevo e soprattutto molto divertente, che sa mettere davvero alla prova l'abilità del giocatore. Gli amanti della vecchia serie televisiva dovrebbero portarselo a casa, a meno che non posseggano già una delle precedenti edizioni, mentre tutti gli altri interessati a un gioco ben confezionato e giocabile possono aggiungerlo sulla lista dei possibili acquisti. Peccato per una modalità multiplayer non troppo immediata e abbastabza sbilanciata, sopperita comunque da una sezione per il singolo giocatore molto impegnativa e duratura.