Genere
MMORPG
Lingua
Inglese
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
2011

WAKFU

WAKFU Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Ankama Games
Sviluppatore
Ankama Games
Genere
MMORPG
Data di uscita
2011
Lingua
Inglese

Hardware

I requisiti minimi per giocare a WAKFU su PC sono i seguenti: processore Pentium 2.0 GHz o Dual Core, 512 MB di RAM e una scheda video nVidia GeForce 3 e Ati 9200 o superiori e circa 300 MB di spazio libero su disco rigido.

Multiplayer

WAKFU è un gioco di ruolo online giocabile esclusivamente sui server ufficiali del gioco in compagnia degli altri giocatori.

Modus Operandi

Abbiamo provato direttamente WAKFU grazie a un accesso alla Closed Beta fornitoci dagli sviluppatori del gioco.

Link

Hands On

Carinerie digitali

Ankama Studio rincara la dose di dolcezza in salsa MMORPG.

di Alessandro De Luca, pubblicato il

WAKFU dovrebbe essere sconsigliato dall’associazione dei medici dentisti italiani. Il suo stile grafico è così dolce e carino che giocandoci anche solo per pochi minuti si rischiano carie dentali multiple. Tuttavia la sua estetica non deve trarre in inganno, perché sotto questa spessa patina di zucchero si nasconde un MMORPG più complesso di quanto ci si potrebbe aspettare. Sviluppato da Ankama, WAKFU è il seguito di Dofus ed è ambientato nello stesso mondo a 1000 anni di distanza dagli eventi vissuti dai giocatori nel gioco precedente. Dofus è stato un vero e proprio fenomeno del genere: sviluppato interamente in Flash, il gioco ha attratto milioni di giocatori e ha dato vita a progetti paralleli come libri, fumetti e un film di animazione previsto per il 2013. Visto il successo di Dofus, Square Enix si è affrettata ad assicurarsi i diritti di distribuzione di WAKFU per l'America del Nord. Il gioco si trova al momento in fase di Closed Beta e il 27 aprile la beta diventerà accessibile a tutti.

Un cabaret di classi

Come da tradizione del genere, i giocatori possono scegliere per il proprio personaggio una delle 14 classi disponibili. Anche se l’aspetto e le loro abilità sono piuttosto diversi, alla fine sono tutte riconducibili ai canoni classici del genere con spadaccini, arcieri, maghi e chierici. Ogni classe ha una vocazione speciale che la rende differente dalle altre all’interno dello stesso archetipo, in modo da diversificare l’esperienza di gioco con ognuna di esse e non avere la fastidiosa impressione di usare la stessa classe con un abito differente. I giocatori di Dofus riconosceranno sicuramente queste classi, dato che sono le stesse del prodotto precedente di Ankama.
La crescita dei personaggi è regolata dai punti esperienza ricevuti alla fine di ogni combattimento portato a termine con successo. Il livello massimo nel gioco è 200 (sì, avete letto bene) e ogni volta che se ne guadagna uno si ottengono cinque punti Aptitude, che devono essere investiti per aumentare le caratteristiche del personaggio. Di queste caratteristiche, dieci sono comuni a tutte le classi, mentre le altre dieci sono specifiche per ognuna e potenziano i suoi incantesimi e le sue abilità. Entrambe utilizzano punti Aptitude per crescere, quindi il giocatore deve scegliere con attenzione come spendere i propri punti. Inoltre, anche le abilità e gli incantesimi guadagnano punti esperienza e crescono di livello e utilizzandoli si sbloccheranno le loro versioni potenziate e avanzate.

Scacchi canditi

Il sistema di combattimento di WAKFU è simile a quello di Dofus e si svolge a turni, come in certi RPG giapponesi (Tactics Ogre e Final Fantasy Tactics, per esempio), ma il giocatore ha 30 secondi per muovere il personaggio e compiere le azioni desiderate. Inoltre, se terminerà i suoi turni abbastanza in fretta, periodicamente potrà usufruire di bonus di varia natura. Le azioni disponibili sono regolate dagli Action Point e i Wakfu Point: ogni incantesimo e ogni abilità costano un determinato numero di punti e il giocatore potrà agire fino a quando avrà AP o WP disponibili. Come in ogni RPG tattico che si rispetti, è importante anche il posizionamento del personaggio rispetto al nemico, dato che i colpi di fianco e alle spalle infliggono danni maggiori. Incantesimi e abilità sono dominati da uno dei quattro elementi del gioco (fuoco, aria, terra e acqua) e, come da tradizione del genere, sfruttare a dovere le vulnerabilità dei nemici a ognuno di essi è il segreto per una carriera lunga e senza morti imbarazzanti.

Nonostante la struttura a turni, i combattimenti hanno un buon ritmo e non annoiano - WAKFU
Nonostante la struttura a turni, i combattimenti hanno un buon ritmo e non annoiano

L’apparenza inganna

Come già detto, dietro l’aspetto carino e dolce, Wakfu nasconde un sistema di gioco molto profondo. Ogni area del gioco ha un ecosistema indipendente totalmente influenzabile dai giocatori, che potranno modificare la presenza della flora e della fauna attraverso le loro azioni; i giocatori possono ovviamente eliminare i mostri e raccogliere le risorse presenti, ma se non si adopereranno per ripopolare l’area, c’è il rischio concreto che le specie locali si estinguano. Le azioni dei giocatori influenzano anche il loro orientamento tra Wakfu e Stasis e hanno ripercussioni dirette col gioco, come per esempio ricette per la creazione di oggetti esclusive a un orientamento piuttosto che all’altro. Le professioni del gioco sono numerose: sei sono di raccolta delle risorse, come legno e piante, mentre ce ne sono addirittura dieci dedicate alla creazione di oggetti ed equipaggiamento.
Un altro aspetto importante del gioco è rappresentato dalla politica. Il mondo di WAKFU è diviso in tante piccole isole e su alcune di queste si trovano delle nazioni. I giocatori dovranno scegliere di appartenere a una di queste nazioni e, una volta fatta la selezione, saranno soggetti alle loro leggi. I giocatori che contribuiranno al benessere della propria patria riceveranno ricompense e privilegi, come votare le elezioni dei governatori e altri ruoli ufficiali. Coloro che invece non obbediranno alle leggi saranno marchiati come fuorilegge e correranno il rischio di essere privati dei loro diritti civili e, nei casi più gravi, di essere arrestati.
Pur essendo in fase di beta, WAKFU si è rivelato sorprendentemente complesso e articolato. L’aspetto grafico potrebbe scoraggiare i giocatori alla ricerca di un’esperienza di gioco più viscerale, ma è indubbio che Ankama abbia sviluppato un gioco di notevole spessore. Se poi consideriamo che sarà gratuito, l’interesse dei giocatori sembra del tutto giustificato.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!