Genere
Strategico in tempo reale
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
49,90 Euro
Data di uscita
12/7/2002

Warcraft III: Reign of Chaos

Warcraft III: Reign of Chaos Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Vivendi Games
Sviluppatore
Blizzard Entertainment
Genere
Strategico in tempo reale
PEGI
12+
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
12/7/2002
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
12
Prezzo
49,90 Euro

Link

Anteprima

Warcraft III: Reign of Chaos

Blizzard Entertainment ha appena festeggiato i 10 anni di attività e può vantare una produzione costellata di successi. Senza mai sbagliare un colpo, ha pubblicato giochi che sono diventati classici senza tempo come Warcraft, Starcraft e Diablo. Ora Blizzard entra nel nuovo millennio con in cantiere due grosse produzioni: Warcraft III e l'expansion pack di Diablo II, entrambe per piattaforma Mac e PC.

di Tatiana Saggioro, pubblicato il

UN GIOCO DI RUOLO STRATEGICO

A Blizzard si deve l'introduzione di una nuova concezione di gioco, il Gioco di Ruolo Strategico o RPS (Role-Playing Strategy): uno strategico in un ambiente tipico da gioco di ruolo. L'RPS assume in sé le caratteristiche di combattimento individuale e interazione con l'ambiente che si trovano generalmente nei giochi di ruolo tradizionali e lo combina con gli elementi di un classico titolo strategico in tempo reale. Warcraft III consente così di gestire un piccolo ma potente party composto da eroi e truppe, guidandoli attraverso un'avventura piena di combattimenti che si snodano in un mondo dinamico ricco di città, mostri vaganti, personaggi e quest, mentre contemporaneamente vi costringe ad escogitare efficaci strategie per eliminare i vostri nemici. Diventerà così possibile ingaggiare una guerra in un mondo completamente interattivo che coinvolgerà personaggi non-giocanti, mostri erranti, città neutrali, templi e roccaforti.

I SIGNORI DELLA GUERRA

Gli eventi del gioco prendono l'avvio molti anni dopo la distruzione del Dark Portal che univa Draenor la terra degli Orchi, con il mondo umano di Azeroth. Thrall, un giovane Orco catturato e ridotto in schiavitù dagli umani riuscì a fuggire grazie alla sua forza e abilità. Finalmente libero, iniziò ad andare in cerca del suo popolo. I Clan degli orchi sono ridotti ormai a una vita passiva, sparpagliati in accampamenti nelle terre aride sotto il controllo degli umani. Thrall, vista la miseria in cui versa la sua gente, decide di riportare gli Orchi ai fasti che la sua stirpe merita e come nuovo Comandante delle Orde, grazie ai ritrovati poteri sciamanici, guida gli Orchi alla rivolta. Ma nella terra di Azeroth accadono strani mutamenti e la minaccia di un nuovo invisibile nemico incombe: i cieli vengono squarciati da una terribile tempesta di fuoco, che annuncia l'arrivo delle Burning Legion. Condannati a vagare in eterno, le Legioni per sopravvivere devono consumare le energie magiche primordiali. Così, per appagare la loro sete di potere, prosciugano mondi dopo mondi. Biechi, astuti e apparentemente inarrestabili, questi oscuri assassini, sono giunti non solo per prosciugare il potere magico del regno, ma anche per estirpare ogni sua forma di vita. Posti davanti all'incombere di questa minaccia, le orde di Orchi e gli eserciti di Azeroth devono abbandonare i loro propositi di conquista per concentrarsi su un'unica missione: sopravvivere. Inizialmente i clan da gestire dovevano essere sei, poi portati a cinque e infine fissati a quattro. Agli Orcs (gli orchi) e agli Humans (gli umani) già presenti in Warcraft I e II, si aggiungono ora gli Undead (i non-morti) e i Night Elves (gli elfi oscuri), ognuna con le proprie unità, abilità magiche e armi.
Nel seguente elenco, che passa in rassegna alcune delle unità che troverete nel gioco definitivo, abbiamo preferito adattare i nomi in italiano per rendere il loro ruolo un po' più comprensibile.
Gli Umani sono i nobili difensori dell'umanità: continuano a combattere per garantire la sopravvivenza della nostra specie in un mondo sempre più tormentato da guerre e malvagità. Le loro specialità sono le arti marziali e la tecnologia e sono in grado di alterare il loro ambiente edificando e allevando animali, di usare armamenti, macchine e armature. Le unità umane includono: i Fanti, i Cavalieri, gli Elfi Chierici, le Streghe Elfiche, le squadre di Nani dotati di cannone e di fucile. Gli eroi umani sono: i Paladini, gli Arci-Maghi, i Ranger Mezz'Elfi e i Nani della Montagna.
Gli Orchi, di nuovo riuniti, si trovano faccia a faccia con il terribile demone che in passato contaminò la loro società. Gli Orchi confidano sulla forza bruta. Le orde sono composta da unità quali: i Grunt, i Troll cacciatori di teste, i Cavalieri di Viverne, gli Shamani e i Troll Stregoni. Fra gli Eroi degli Orchi troviamo: i Farseer, i Maestri d'Armi, i Condottieri e i Cacciatori d'ombre.
Gli Elfi Oscuri sono esseri misteriosi e sfuggenti, appartengono a una delle più antiche razze del mondo. Abbandonarono il loro isolamento secolare per difendere la Terra dall'incombente apocalisse. Le unità includono: gli Ent, gli Arcieri, le Sentinelle, gli Assassini, i Treant e gli Ippogrifi. Gli eroi degli Elfi sono: i Guardiani dei boschi, i Cacciatori di demoni, le Sacerdotesse della luna e gli Arci-Druidi.
Quella piaga dell'esercito dei Non-morti, meglio conosciuta come la Scourge, discende dalle gelide lande del nord e il suo scopo principe è quello di cancellare ogni barlume di civiltà. La loro principale caratteristica consiste nell'abilità di produrre unità sugli scenari di guerra. I cadaveri dei nemici caduti in battaglia sono molti importanti, poiché da essi estraggono i componenti per ricavare abilità e incantesimi. Le unità dei Non-morti includono: i Dredge, i Ghoul, le Banshee, i Gargoyle, i Negromanti, gli Spettri di ghiaccio e i Wyrm di Ghiaccio. Gli Eroi includono: i Cavalieri della morte, i Lich, i Dread Lord e le Abominazioni.

SEMPRE PIU' VERSO IL 3D

La differenza più evidente rispetto ai precedenti capitoli di Warcraft è la presenza di un motore completamente in 3D. Gli sviluppatori hanno così deciso di abbandonare l'approccio tipico del genere per realizzare delle scenografie in tre dimensioni ad alta risoluzione. L'animazione scheletrale e la perfetta aderenza delle texture facciali e del corpo ai modelli in 3D, permette di calcolare infiniti frame di animazione, dando così una sensazione di fluidità nei movimenti quasi reale, un po' come accade in molti sparatutto in terza persona. Una delle novità introdotte nel gioco è l'utilizzo di avanzati strumenti per il design dei livelli, che permetterà ai giocatori di personalizzare ogni aspetto del gioco, intervenendo sull'aspetto dei personaggi, sulle quest, sugli obiettivi delle missioni, sulla composizione e la tipologia delle unità, sull'intelligenza artificiale, sulle abilità speciali e sugli incantesimi. Come accennato in precedenza, la telecamera sarà fissa, non sarà quindi possibile ruotare la visuale né zoomare sul campo di battaglia: una scelta dettata dall'esigenza di semplificare l'approccio al gioco, visto che le prime versioni dotate di telecamera mobile risultavano troppo complesse da controllare durante le battaglie.
Le funzioni multiplayer sono state espanse, includendo un più largo numero di giocatori e vari tipi di modalità multiplayer, come il Team play e il questing. Le modalità di capture the flag e simili, sono state messe in secondo piano visto che secondo la Blizzard nessuno amava giocarle, preferendogli modalità più sanguinarie dove l'accento è posto sulle battaglie.
Ora non ci resta che attendere fiduciosi, sperando che questo Warcraft III sia all'altezza delle aspettative e si confermi come l'ennesimo successo di Blizzard. Nel frattempo, se volete soddisfare la vostra curiosità, potrete scaricarvi dalla sezione download del sito ufficiale del gioco i primi filmati disponibili. Warcraft III: Reing of caos dovrebbe esser pubblicato verso la seconda metà del 2001 in formato Windows 95/98/2000/NT, mentre gli utenti Macintosh dovranno aspettare la fine dell'anno per metterci le mani sopra.