Genere
Azione
Lingua
Manuale in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
€ 64,90
Data di uscita
26/2/2010

Way of the Samurai 3

Way of the Samurai 3 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Gamebridge
Sviluppatore
Acquire
Genere
Azione
PEGI
16+
Distributore Italiano
Cidiverte
Data di uscita
26/2/2010
Data di uscita giapponese
13/11/2008
Lingua
Manuale in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 64,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Dolby Surround

Lati Positivi

  • Discreta profondità di gioco
  • Atmosfera "storica" riuscita
  • Ampia libertà d'azione

Lati Negativi

  • Tecnicamente superato
  • Piuttosto ripetitivo
  • Scarsa influenza delle scelte "morali"

Hardware

Way of the Samurai 3 richiede una console PlayStation 3, un controller compatibile e ovviamente il gioco. Non è prevista alcuna installazione su disco fisso.

Multiplayer

Il titolo firmato Acquire non prevede alcuna opzione multiplayer ma solo una campagna per giocatore singolo.

Link

Recensione

La dura vita del guerriero

La serie di Acquire è pronta per l'alta definizione?

di Alessandro Martini, pubblicato il

Pur essendo relativamente sconosciuta al "grande pubblico" occidentale, la serie Way of the Samurai è nota come uno dei primi antenati della moderna corrente che ha unito action game e free-roaming creando di fatto un nuovo genere. Nell'ormai lontano 2002, fu infatti un team giapponese (Acquire, creatore di tutti i capitoli) a inserire molti elementi "liberi" e da tipico gioco di ruolo in una struttura basata sul combattimento e sull'azione, raccogliendo numerosi consensi grazie al primo episodio su PlayStation 2. Vediamo se la storia è destinata a ripetersi con la sorella maggiore in HD...

free roaming e ricostruzione storica

Il gioco inizia in modo simile a un moderno "MMOG" e cioè "titolo pensato unicamente per la rete" sebbene non offra alcuna caratteristica online. Le similitudini si trovano infatti negli editor iniziali per il nostro alter-ego di cui vestiremo i panni per tutta la durata della storia. Con alcuni semplici passaggi (e poche opzioni, a dir la verità) possiamo decidere aspetto fisico, abbigliamento e accessori passando dal tipico samurai "combattente" corazzato e armato a un semplice contadino, benché saranno le azioni in gioco a determinare davvero le caratteristiche del personaggio.
Fatte le nostre scelte, assistiamo all'immancabile filmato in computer graphic che introduce la storia, ovvero le lotte intestine tra clan nel Giappone medievale, con relativo spargimento di sangue e immancabili vittime civili nelle campagne. Il nostro ruolo, parlando di un gioco basato sulla libertà d'azione, non viene determinato in modo chiaro né incanalato su un unico "binario narrativo". Siamo infatti noi stessi a decidere quale clan servire e quali compiti portare a termine, parlando con i molti personaggi incontrati sul nostro cammino. Il gameplay si basa infatti sulle scelte operate dal giocatore e sulle relative conseguenze: ad esempio, se male armati e con pochi viveri è sconsigliabile infastidire un gruppo di guardie poiché la sconfitta ci aspetta dietro l'angolo. Parliamo sempre, e infatti, di un titolo dove il combattimento ha un ruolo importante, ma va affrontato in maniera piuttosto ragionata.

una spada per ogni occasione

Osservando gli aspetti "ruolistici" e l'interazione con gli altri personaggi, ritroviamo tutti gli elementi classici della serie in una struttura comunque limitata per gli standard odierni. L'incontro con gli NPC (personaggi non giocanti) avviene infatti con il classico sistema dei villaggi abitati da persone tutte simili tra loro, che si esprimono con frasi perlopiù testuali e raramente sensate. Durante le nostre esplorazioni, capita di incontrare qualcuno che ha bisogno di aiuto e ottenere così vari incarichi, talvolta simili a minigame (suonare la campana del villaggio muovendo lo stick a ritmo) ma più spesso basati sulla consegna e ricerca di oggetti, se non sull'eliminazione sistematica di qualcuno.
Restando in tema di giochi di ruolo, ritroviamo naturalmente l'esperienza da accumulare anche nelle armi che possono evolvere con l'uso o combinandole con altri oggetti. Le stesse armi, descritte accuratamente nell'inventario, offrono molte caratteristiche e diversi pro/contro nel loro utilizzo, aggiungendo un pizzico di realismo al combattimento. Come dettano gli elementi tradizionali della saga, l'idea di fondo è uccidere solo se necessario e dimostrarsi degni di rispetto, quindi versare sangue dovrebbe essere l'ultima opzione.
In tal senso, è possibile scegliere di "stordire" soltanto i nemici usando la fondina dell'arma e non la lama, in modo da evitare inutili stragi e guadagnare così in reputazione. Va detto, comunque, che la differenza tra un comportamento onorevole e l'opposto non è così marcata, numero di avversari a parte, e che possiamo tenere un atteggiamento aggressivo senza troppi problemi.

il passato sullo schermo e nella console

Inutile girare attorno al discorso: i maggiori problemi di Way of the Samurai 3 si trovano nella realizzazione tecnica che, risoluzione a parte, è molto simile ai titoli della generazione passata. Grafica e sonoro sono infatti ampiamente superati per gli standard odierni, tanto che non è nemmeno consigliabile avviare paragoni "scomodi" per il gioco di Acquire.
Oltre a fondali spogli, animazioni robotiche e modelli 3D spigolosi, si fanno notare i molti caricamenti tra le varie zone, piccole per dimensioni e che quindi non giustificano le attese "extra". In linea generale, il motore grafico ha fatto il suo tempo e servono decisi cambiamenti nei prossimi episodi, magari osservando cosa offre la produzione occidentale in materia.
Nel quadro complessivo appena sufficiente, emerge comunque l'attenzione ad alcuni dettagli e la cura spesa nel ricostruire il Giappone antico con tutti i suoi villaggi, campagne e popolazione dell'epoca. Sebbene limitato come "mondo" esplorabile, Way of the Samurai 3 riesce ad offrire una discreta atmosfera nella particolarità dell'ambiente ricreato su schermo e nella profondità del gameplay, a patto di mettere da parte gli evidenti limiti tecnici. La longevità viene inoltre aiutata dalle molte scelte disponibili (quale clan servire, chi aiutare e chi no, dove e come combattere) e dai finali multipli, malgrado una certa ripetitività di fondo ormai comune al sottogenere "free roaming". Gran parte del tempo trascorre infatti girovagando a piedi o parlando con altre persone e siamo certi, anche non avendo grandi conoscenze in materia, che la vita del Samurai fosse leggermente più movimentata.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
La serie Way of the Samurai conserva tutte le sue caratteristiche principali all'esordio su PlayStation 3 ma questa non è necessariamente una buona notizia sopratutto guardando il lato tecnico. Grafica e sonoro raggiungono a malapena gli standard odierni e, insieme ai frequenti caricamenti, offrono un quadro generale non proprio entusiasmante. D'altro canto, il gameplay è interessante e le meccaniche ormai collaudate, sopratutto in materia di scelte disponibili e libertà concessa al giocatore. Che non deve solo preoccuparsi di combattere ma anche di stringere alleanze e scegliere i propri interlocutori, o avversari, attraverso i dialoghi. Un gioco da considerare se non siamo troppo concentrati sulla grafica, altrimenti i chiari limiti tecnici possono distogliere l'attenzione dal gameplay.

Commenti

  1. Lylot72

     
    #1
    Nessuno l' ha preso?
    Gladiatore dicci tu qualcosa.
  2. utente_deiscritto_6190

     
    #2
    Lylot72 ha scritto:
    Nessuno l' ha preso?
    Gladiatore dicci tu qualcosa.
      Comprato ma non giocato. E non è per adesso.
    Mai sottovalutare il potere avviluppativo di Demon's Soul...:berto:
  3. richi_one

     
    #3
    Il gladiatore ha scritto:
    Comprato ma non giocato. E non è per adesso.
    Mai sottovalutare il potere avviluppativo di Demon's Soul...:berto:
     Che versione stai giocando?Dai potevi aspettare la PAL!!!
  4. utente_deiscritto_6190

     
    #4
    richi_one ha scritto:
    Che versione stai giocando?Dai potevi aspettare la PAL!!!
      Usa, si trova a prezzi stracciati. Poi, per le 4 cazzate che dicono...:))
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!