Genere
Party Game
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
3+
Prezzo
€ 89,90
Data di uscita
24/4/2008

Wii Fit

Wii Fit Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Genere
Party Game
PEGI
3+
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
24/4/2008
Data di uscita americana
19/4/2008
Data di uscita giapponese
1/12/2007
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 89,90
Formato Video
PAL
Formato Audio
Stereo

Lati Positivi

  • Idea originale
  • Unisce l'utile al dilettevole
  • Sistema di controllo preciso

Lati Negativi

  • Richiede pazienza e applicazione

Hardware

Wii Fit viene venduto in bundle con la periferica Wii Balance Board e richiede una console Nintendo Wii, un telecomando Wiimote e un Nunchuck (quest'ultimo viene usato comunque molto poco). La pedana si è rivelata di buona fattura, in materiale plastico solido, pronta a sopportare anche gli "atleti" più scalmanati. Tecnicamente, il gioco supporta la modalità widescreen e la scansione progressiva mentre il dettaglio grafico dei mini-giochi è in linea con quanto visto in Wii Sports.

Multiplayer

Sebbene non contempli vere e proprie modalità multiplayer, Wii Fit stimola naturalmente la competizione grazie ai punteggi assegnati a ogni esercizio e alle rispettive classifiche. Ovviamente si presume che il gioco sia utilizzato da più persone, magari da una famiglia. Non è prevista alcuna funzionalità online.

Link

Recensione

Le videocassette di Jane Fonda 2.0

Tutti a sudare davanti alla TV con la Wii Balance Board!

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Di Nintendo si possono dire parecchie cose, molte positive e alcune magari no, ma non è possibile negare che ci stia facendo sudare davanti allo schermo TV: ha iniziato con i sensori di movimento nel Wiimote, con tutto ciò che ne è derivato a partire da Wii Sports, e sta proseguendo nel suo "diabolico" piano con Wii Fit, uno "strumento di tortura" che ha come principale obiettivo quello di farci tornare in forma smagliante prima della fatidica stagione estiva.
Wii Fit può essere visto come la versione "fisica" di Brain Training per DS, o come l'aggiornamento al nuovo millennio dei mitologici corsi di aerobica di Jane Fonda su VHS: posizionata l'apposita pedana di fronte allo schermo e fatto il dovuto spazio per evitare di colpire cose o persone, siamo pronti per la "pesata" di controllo e il successivo test dell'equilibrio, cui seguirà il primo verdetto: qual è la nostra vera età fisica? Chi fosse rimasto traumatizzato dall'analogo test del Dott. Kawashima si prepari a un esame ancor più umiliante, specie se eseguito in pubblico davanti ad amici e parenti. Da questo momento in avanti la palla passa però al giocatore: è lui che deve decidere come tornare in forma, se e come perdere peso e in quanto tempo.

CHE DDDOLORE!

Com'era prevedibile, in tempi di anoressia e disturbi alimentari dilaganti, il gioco di Nintendo non si preoccupa molto del nostro grasso corporeo e non si azzarda a consigliarci una dieta, sebbene ci metta responsabilmente in allarme quando rileva una situazione di sovrappeso, ma utilizza ben altri parametri per decidere quanto siamo in forma, a cominciare dall'equilibrio.
È sufficiente infatti affrontare i primi esercizi muscolari e di yoga per rendersi conto di come non sia semplice ottenere punteggi buoni o anche solo discreti stando in piedi su una gamba sola (vedi la "posizione dell'albero") o provando a eseguire un'apparentemente banale torsione del busto con piegamento in avanti; chi non fa ginnastica da parecchio tempo potrebbe anche scoprire con un certo rammarico di non sapersi più toccare la punta dei piedi senza piegare le ginocchia (vedi il "saluto al sole") o di non saper andare oltre le sei flessioni per i pettorali.
Anche quando l'equilibrio non è la dote fondamentale richiesta da un certo esercizio o mini-gioco, è possibile comunque apprezzare la grande precisione dello strumento principe di Wii Fit, ovvero la Wii Balance Board. L'elevata sensibilità della pedana, combinata con la perfetta calibratura del sistema di controllo, rende infatti ogni esercizio più stimolante di quanto possa sembrare inizialmente, dando la sensazione di vivere Wii Fit quasi come un gioco tradizionale e non come un puro esercizio ginnico; può ovviamente capitare di ottenere subito un voto molto alto in alcuni esercizi ma è un "difetto" connaturato al tipo di esperienza, pensata per stimolare - e non frustrare - la voglia di benessere di una larga fetta di pubblico e non solo degli amanti del fitness.

PUFF PANT

È ovvio che non tutto risulterà divertente a tutti: chi scrive ha trovato, per esempio, decisamente noioso lo "step", e siamo perfettamente consapevoli del fatto che correre in un vero parco sia più appagante che correre in salotto con il Wiimote in tasca, ma è apprezzabile lo sforzo di fantasia di Nintendo nel cercare di proporre una cura completa per il benessere del proprio corpo.
Uno dei meriti di Wii Fit è anche quello di offrire un percorso di allenamento graduale, perché molti giochi ed esercizi sono inizialmente bloccati, ma completamente libero, in modo che ciascuno possa decidere senza costrizioni su cosa focalizzarsi: yoga, esercizi muscolari, aerobica o mini-giochi.
Alcuni di questi, vedi lo slalom e lo snowboard, possono essere visti come una prosecuzione di Wii Sports, sebbene si tratti di esperienze rigorosamente single-player, e pur nella loro limitatezza, offrono uno spaccato interessante dei possibili usi futuri della Wii Balance Board in senso più tipicamente ludico.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Ambizioso e imponente nelle dimensioni della sua principale "periferica", Wii Fit è senza dubbio un colpo di genio e, anche dopo aver superato lo shock iniziale di dover giocare in piedi su una specie di bilancia, risulta profondo e divertente, nonché molto vario nelle sfide che propone. Chi dovesse affrontarlo come un normale videogioco rischia però di trovarsi ben presto una grossa pedana a prendere polvere vicino la TV: acquistatelo soltanto se il vostro vero obiettivo è ritrovare una buona forma fisica e se siete disposti a dedicargli un po' delle vostre energie quotidiane.