Genere
Rhythm Game
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
3+
Prezzo
€ 49,99
Data di uscita
14/11/2008

Wii Music

Wii Music Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Genere
Rhythm Game
PEGI
3+
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
14/11/2008
Data di uscita americana
20/10/2008
Data di uscita giapponese
16/10/2008
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
4
Prezzo
€ 49,99
Formato Video
PAL

Lati Positivi

  • Immediato, divertente, versatile
  • Offre più di quanto ci si aspetti
  • Modalità Batteria molto realistica
  • Splendido per serate fra amici

Lati Negativi

  • Selezione musicale discutibile
  • Alcune modalità sono un po' limitate
  • Paga i limiti del controller

Hardware

Per giocare a Wii Music sono richiesti la console Nintendo Wii e un Wiimote e un Nuchuck per ciascun giocatore. Gli strumenti a fiato sono infatti gli unici a prevedere l'utilizzo del solo Wiimote. La modalità Batteria è riservata a chi dispone di una Balance Board. Il gioco supporta la visualizzazione a 50 Hz, 60 Hz e 480p.

Multiplayer

Fino a quattro giocatori possono partecipare alle sessioni multiplayer di Wii Music, disponibili per praticamente tutte le modalità di gioco (tranne quella dedicata alla Balance Board). Il multiplayer è quasi sempre di tipo cooperativo e spinge a lavorare di squadra per migliorare il punteggio del gruppo. Supportato infine l'aspetto "comunitario" della connessione a Internet, tramite la possibilità di condividere i videoclip coi propri amici.

Link

Recensione

Musica, maestro!

Wii Music fra conferme e sorprese.

di Andrea Maderna, pubblicato il

L'evidente natura di Wii Music è quella di un prodotto che segue la filosofia della "Touch! Generation", rivelandosi divertente, immediato, perfetto per qualche serata "casual" fra amici e probabilmente molto adatto all'utilizzo da parte dei più piccini. Niente a che vedere con Guitar Hero e Rock Band, quindi, anche se questi ultimi, nelle più recenti incarnazioni, hanno provato ad aprirsi al pubblico più "generico" con livelli di difficoltà base estremamente abbordabili.

DIVERTIMENTO SEMPLICE, MA INSOSPETTABILMENTE PROFONDO

Rispetto a Wii Sports, Wii Music offre forse meno modalità, ma quel che c'è è quasi tutto ben pensato e organizzato. Nella sezione principale è possibile divertirsi con gli oltre sessanta strumenti proposti, suonando da soli o in compagnia, tramite quattro diversi sistemi di controllo, ed eseguendo musica sulle note dei pezzi presenti in tracklist o in jam session totalmente autonome. Alcuni strumenti si suonano più facilmente e con migliori risultati di altri, ma l'esperienza è comunque piacevole sia nell'immediato, per la semplicità dell'interfaccia, sia sulla media distanza, per la possibilità di variare anche pesantemente gli arrangiamenti e l'opportunità di creare videoclip personalizzati da condividere online. Sulla distanza il senso di monotonia può prevalere, anche se in dosi inversamente proporzionali all'inventiva, alla voglia di sperimentare e alla creatività musicale del giocatore.
Di natura totalmente diversa la modalità Batteria, che propone una visione realistica e versatile di uno strumento tutt'altro che facile da padroneggiare. L'utilizzo della Balance Board per simulare i pedali aggiunge fascino e credibilità, anche se la necessità di premere i tasti per selezionare i tamburi da suonare rende il tutto più complesso del dovuto. Di sicuro, comunque, una volta assimilati i meccanismi, ci si diverte parecchio e ci si ritrova ad agitare in giro le bacchette e sudare come pazzi, anche se a conti fatti basterebbe muoversi molto meno.
Nella sezione giochi, infine, si trovano una serie di sfide più tradizionalmente legate al concetto di videogioco classico, che è possibile affrontare da soli o in multiplayer. Si possono vestire i panni del direttore d'orchestra (a onor del vero un po' complessi in multiplayer), suonare delle melodie festive con dei campanellini e affrontare una serie di quiz a sfondo musicale, giocati sulla capacità di riconoscere i suoni proposti e rispondere a domande a tema. L'esperienza è molto divertente, anche se, come dovrebbe ormai essere ovvio, si tratta di modalità dalla durata abbastanza breve, adatte più a festicciole estemporanee che a sfide ricorrenti.

QUALCHE NOTA DOLENTE

Purtroppo non tutto in Wii Music funziona alla perfezione. Ci sono senza dubbio limiti dettati dalla natura dei controller, così come qualche problema concettuale. Da un lato è palese che agitare un telecomando non possa restituire un feeling preciso al millisecondo, e che nell'ovviare alla natura stessa del Wiimote si debbano trovare soluzioni scomode (pensiamo all'utilizzo dei tasti per scegliere il tamburo da suonare in modalità Batteria). Dall'altro, comunque, certe scelte di design lasciano abbastanza perplessi.
Le modalità Direttore d'orchestra e Sinfonia di campanelle, per esempio, sanno essere molto divertenti, ma hanno una vita abbastanza breve a causa dei pochi pezzi eseguibili. Nel corso di una serata fra amici abbiamo esaurito in fretta tutte le tracce offerte e dopo qualche ripetizione, visto il divertimento, è ovvio chiedere qualcosa in più.
Sempre nell'ottica del multiplayer "casual", cui questo titolo è sicuramente in larga parte dedicato, appare francamente stupida la scelta di non rendere disponibile fin da subito un maggior numero di musiche. Si tratta di una fissazione che gli sviluppatori di videogiochi non riescono a scrollarsi di dosso e che a nostro parere è poco adatta a questo genere di giochi (pensiamo anche, per esempio, a quanto visto in Mario & Sonic ai giochi olimpici). Certo, dare un senso di progressione è importante, ma che senso ha, in un contesto da multiplayer spensierato fra amici, limitare così tanto il divertimento, costringendo a lunghe sessioni "pro sbloccaggio" chi magari desidera solo divertirsi un po' in compagnia?
Più in generale, la selezione musicale di Wii Music non è proprio esaltante. I pezzi di musica classica e pop inclusi sono dei sempreverdi di sicuro effetto e la manciata di brani tratti da classici Nintendo ha soddisfatto il nostro spirito nerd, ma le oltre venti musiche popolari stancano abbastanza in fretta e, in qualche caso, ci sono parse un po' oscure.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Wii Music è l'ennesima produzione Nintendo dedicata a un pubblico variegato. Cerca di far divertire i più piccoli con la solita immediatezza, la cura per i piccoli dettagli e l'atmosfera sognante. Prova ad accalappiare i giocatori poco esperti con la semplicità, la versatilità e il divertimento offerto dalle opzioni multiplayer. Strizza l'occhio a un'utenza più esperta con la complessa modalità batteria e le ricche possibilità di creazione e arrangiamento. Il rischio, come sempre, è di non accontentare nessuno. A noi è piaciuto, ma bisogna ribadire che ci sono dei limiti strutturali nel design e nelle meccaniche di controllo, senza contare il fatto che si tratta di un prodotto semplice e per certi versi "piccolo", ma comunque venduto in negozio. Wii Sports è in omaggio con la console, e questo, se ci si avvicina puntando solo all'aspetto più superficiale, "giocoso" e in definitiva "casual", può fare la differenza. Per chi riuscirà ad apprezzarne gli aspetti più creativi e raffinati, però, Wii Music vale ogni euro richiesto.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!