Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
6/12/2006

Nintendo Wii

Nintendo Wii Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
6/12/2006

Hardware

Wii uscirà entro la fine dell'anno, probabilmente a ottobre 2006, secondo le voci di corridoio. Al momento non è ancora stata annunciata una data ufficiale di esordio.

Multiplayer

Mentre per quanto riguarda il tennis di Wii Sports è confermato il supporto per quattro giocatori, per i rimanenti titoli non è ancora chiaro se sarà possibile prendere parte al gioco in due o in quattro giocatori.

Link

Speciale

Wii si mostra all'Italia

La rivoluzione Nintendo approda nel nostro Paese!

di Luca Airoldi, pubblicato il

Finalmente Nintendo ha tolto il velo anche in terra italiana alla sua nuova console: l'eccitazione derivante dalla possibilità di mettere mano a Wii nella cornice dell'Ippodromo del Trotto di Milano (che sia un rimando nascosto in stile Nintendo?) si è però presto intrecciata con un pizzico di delusione dovuta alla presenza di soli e pochi titoli first-party, tutti già presentati all'E3 2006 e tutti assai semplici (mancava IL gioco di spessore, come un quasiasi Super Mario Galaxy!). Poter impugnare ancora una volta il WiiRemote di Wii ci ha concesso in ogni caso di esplorare più approfonditamente la rivoluzione ideata da Nintendo per la next-generation e dobbiamo ammettere che Wii Sports, Wario Ware Smooth Moves, Shooting e Orchestra inquadrano con efficacia la volontà di Nintendo di coinvolgere il videogiocatore in prima persona all'interno dell'intrattenimento elettronico.
L'innovativo sistema di interazione già introdotto con Nintendo DS e la sua "touch generation" viene ora traslato con Wii al movimento del corpo del giocatore tramite l'ormai noto WiiRemote (il "telecomando"), capace di rilevare attentamente gli spostamenti delle braccia, la posizione e orientamento nello spazio, nonché l'accelerazione applicata ad esso. I titoli mostrati alla presentazione milanese sono validi esempi applicativi di questa nuova concezione di videogiocare, che dimostra peraltro di regalare un divertimento indubbiamente innovativo e brioso, soprattutto in compagnia di amici.
Andiamo dunque a esaminare uno ad uno i titoli provati durante l'evento meneghino.

WARIO WARE SMOOTH MOVES

L'insieme dei minigiochi che compongono Wario Ware Smooth Moves, sono una sorta di anello di congiunzione fra i famosi minigiochi che abbiamo imparato a conoscere su Nintendo DS e la next-generation rappresentata da Wii. Questa volta al posto del pennino dovremo però mettere in gioco noi stessi, cimentandoci in una serie di prove che dimostrano - nel caso ce ne fosse ancora bisogno - la creatività e l'estro dei programmatori di Nintendo: si va dall'infilare la dentiera in bocca a un'anziana signora, al gonfiare un pallone tramite una pompa; dal tenere in equilibrio un manico di scopa sul palmo della mano, al prodursi in piegamenti sulle gambe e così via.
Tutte le sfide sfruttano ovviamente la prerogativa essenziale del WiiRemote relativa al movimento spaziale, cosi da ottenere un risultato nel complesso interessante e certamente divertente. La speranza è che l'indubbia allegria che si scatena giocando a Wario Ware Smooth Moves venga sostenuta da un adeguato numero di minigiochi presenti nella versione definitiva.

WII SPORTS

Gli sport di Nintendo (tennis, baseball e golf quelli presenti a Milano, ma sicuramente anche altri nel gioco completo) puntano perlopiù sulla fondamentale componente del tempismo nel movimento di WiiRemote, che si esplicita in maniera più immediata e meno complessa nel baseball e in modo più elaborato e interessante nel tennis. Se infatti il baseball appare al momento piuttosto banale nelle possibilità che offre - che restano relegate al colpo della palla da effettuare nel momento corretto - il tennis appare decisamente più convincente nelle meccaniche di gioco.
Sebbene in tal caso i giocatori vengano mossi e gestiti direttamente dalla CPU, sarà nostro compito colpire in maniera appropriata la palla cercando di imprimere su di essa una determinata traiettoria. Fa piacere notare che a movimenti del braccio dal basso verso l'alto corrispondano effettivamente dei pallonetti, mentre chiudendo o tagliando la parabola di tiro si ottengano colpi più tesi. Importante è anche il corretto utilizzo di diritto e rovescio: un errore in impostazione di tiro causerà facilmente un colpo fuori misura.
Piacevole infine anche il golf: in questo caso l'elemento dominante si sposta dal tempismo alla potenza del movimento. Per mettere a segno colpi corretti dovremo infatti colpire la palla riempiendo una barra fino a un determinato punto, sia che si parli di colpi dalla lunga distanza - quindi correlati a uno swing più ampio - sia che si tratti di colpi corti sul green, da effettuare in maniera più controllata. Da sottolineare la possibilità di provare il movimento a fianco della palla - come avviene del resto anche nella realtà - per prendere confidenza con lo swing e "misurare" la potenza da imprimere al colpo stesso.

SHOOTING

I ricordi di Duck Hunt riemergono in Shooting, gioco nel quale dobbiamo semplicemente indirizzare il WiiRemote verso il televisore, mirare e fare fuoco sui vari oggetti volanti che emergono dal folto prato sottostante. La possibilità di giocare in coppia aggiunge un senso di competitività che si concretizza con la possibilità di "rubare" all'avversario i bersagli più generosi in termini di punti: ne deriva un'esperienza di gioco certamente divertente seppur probabilmente non così ampia nelle varianti che potrà offrire. Interessante notare che dopo i primi secondi necessari a prendere confidenza con lo spostamento del mirino, tutto appaia molto diretto e intuitivo; unico appunto va mosso nei confronti dell'impugnatura del WiiRemote a polso piegato leggermente scomoda, dovuta al fatto di dover puntare direttamente il televisore (cosa assolutamente non necessaria - è bene sottolinearlo - in tutti gli altri titoli provati).

ORCHESTRA

Il movimento delle braccia - vero protagonista della rivoluzione Wii - non poteva certo sottrarsi alla possibilità di dirigere un'orchestra sinfonica: nella demo presentata era possibile scegliere tra due temi musicali - tra cui l'indimenticabile accompagnamento presente in ogni capitolo di Zelda - per poi dare inizio alle danze scandendo il tempo con la mano e dirigendo con i movimenti del braccio. A movimenti più ampi corrispondono più strumenti musicali coinvolti, mentre la velocità degli spostamenti influisce decisamente sul ritmo di esecuzione, con risultanti a volte anche appaganti. Un titolo che incuriosisce molto, soprattutto se sarà possibile importare brani da una propria play-list per poi dirigerli in prima persona.