Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
6/12/2006

Nintendo Wii

Nintendo Wii Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
6/12/2006

Hardware

La confezione del Wii contiene la console, la base per il posizionamento verticale, uno stand per assicurare stabilità alla base, il sensore da porre sopra il televisore, uno stand per il sensore, un Wii Remote, un Nunchuk, le batterie per il Wii Remote, la manualistica, Wii Sports e l'alimentatore.

Link

Speciale

A me il Telepad!

Cronaca delle prime ore in compagnia della "rivoluzione".

di Simone Soletta, pubblicato il

Pensare agli speciali da dedicare al nuovissimo Wii non è stato semplice: letteralmente non si sa da dove cominciare a descrivere le caratteristiche di questa nuova console. L'ambiente operativo? Il concetto dei "canali"? Il software di fotoritocco? La creazione dei Mii? Ce ne sono di cose da dire riguardo al Wii, ma probabilmente quello che tutti si aspettano di leggere è la descrizione delle sensazioni provate con il nuovo sistema di controllo, e il relativo giudizio: si tratta di vera rivoluzione?
A questa domanda potremo forse rispondere solo tra qualche tempo, visto che ad oggi le grandi potenzialità della peculiare accoppiata Wii Remote - Nunchuk sono solo abbozzate. Eppure qualcosa si comincia a intravedere...

FILOSOFICAMENTE COMPATTO

Non è la prima volta che abbiamo a che fare con il Wii Remote, ma anche in questa occasione ci siamo sorpresi per le sue dimensioni. È piccolo e compatto, molto più di quanto non appaia in fotografia. Completo di batterie (una coppia di stilo, fornite nella confezione) pesa poco più di 130 grammi e misura 14,7 cm in lunghezza; 3,5 cm in larghezza e 3 cm circa in profondità.
Così come quello del Nunchuk, il design è perfettamente simmetrico, in modo da permettere anche ai mancini di utilizzare la mano preferita per ognuna delle due "estremità": la presa è confortevole, a dispetto del design un po' squadrato, e le dita vanno naturalmente ad adagiarsi sui controlli principali, il grande tasto A sotto al pollice e il comodo grilletto B collocato in un confortevole invito sulla parte inferiore del telecomando. Meno facile da gestire è la croce direzionale, che obbliga a un cambio di impugnatura quando si rende necessario attivare la direzione verso l'alto, ma non è un grave problema.
In mezzo al Wii Remote troviamo un trittico di pulsanti: quello centrale, indicato dalla scritta "Home", serve a riportarci al menu principale dell'ambiente operativo di Wii, i due laterali (contraddistinti dai segni + e -) sono utilizzati dai giochi e dal software operativo per funzioni liberamente programmabili. In Zelda: Twilight Princess, per esempio, richiamano le varie schermate dei menu; nel canale Mii e nel canale Photo operano sul livello di zoom.
Subito sotto troviamo l'altoparlante dedicato, un po' troppo metallico nella riproduzione, ma con dimensioni del genere non ci si poteva aspettare altrimenti. Per fortuna il volume può essere regolato, in modo da permetterci sessioni di gioco notturne in cuffia senza il rischio che una spadata o un effetto sonoro vada a disturbare chi sta dormendo il "sonno del giusto".
Scendendo ancora, troviamo i due pulsanti 1 e 2, che trasformano il Wii Remote in una sorta di joypad per NES quando questo viene ruotato di 90 gradi in senso antiorario, come richiesto per esempio dal divertente Excite Truck. Conclude la dotazione del frontale una serie di quattro led di colore blu attraverso i quali viene indicato il numero del Wii Remote al momento in uso.

SINCRONIZZAZIONE E SPEGNIMENTO

Va sottolineato che ogni Wii Remote viene accoppiato alla console direttamente in fabbrica, e infatti non abbiamo dovuto in nessun modo accedere ai due tasti di sincronizzazione posti sulla console e all'interno del vano-batterie del Telepad per cominciare a giocare.
Ogni Wii Remote può essere sincronizzato con la console in due modi: permanente o temporaneo. La modalità temporanea è utile quando si ospita qualcuno per una partita in compagnia: chi porta con sé il suo Telepad può associarlo alla console in modo temporaneo senza perdere i dati di accoppiamento con la sua console . Questo rapporto resta attivo fino a che non si spegne il Wii. La portabilità del Telepad è importante anche perché contiene una memoria interna nella quale è possibile copiare i divertenti personaggi creati attraverso il canale Mii: andando a casa di un amico potremo sfidarlo a Wii Sports Tennis utilizzando i personaggi che ci saremo portati da casa con il Wii Remote.
In alto a sinistra troviamo il tasto per accendere e spegnere la console: il Wii ha tre stati di accensione: oltre ai classici "Acceso" e "Spento", indicati rispettivamente dal colore verde e rosso del led posto sul frontale della console, troviamo infatti la modalità "Sleep" che permette al Wii di restare perennemente collegato al servizio online WiiConnect 24. Se questa funzione è attivata, allo spegnimento il led si colora di arancio e la console resta in attesa di dati: per esempio, se dovessimo ricevere un messaggio da un amico o da un indirizzo e-mail, il Wii ci avvertirà attraverso il contorno della meccanica Slot-In, che può illuminarsi di blu in modo più o meno intenso (anche questa è una funzione che è possibile stabilire nel pannello di controllo).
Terminiamo la descrizione del Telepad esaminando il lato inferiore: qui troviamo la porta di espansione per il Nunchuk o per il joypad "classico" e l'importantissimo laccetto da polso. Nintendo ricorda a ogni piè sospinto la necessità di indossare questa protezione, per evitare che durante la foga il telecomando possa scivolarci di mano. Anche il Nunchuk può essere assicurato a questo laccetto utilizzando un apposito gancio. Non è molto comodo, specialmente quando si passa da un gioco che prevede l'uso dell'estensione a uno che non la digerisce, ma ci si prende la mano in fretta.