Genere
ND
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
30/1/2007

Windows Vista

Windows Vista Aggiungi alla collezione

Datasheet

Sviluppatore
Microsoft
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
30/1/2007
Lingua
Tutto in Italiano

Lati Positivi

  • Interfaccia più elegante e funzionale rispetto a Windows XP
  • Gli effetti di Windows Aero sono davvero belli da vedere
  • Stabile ed efficiente nell'utilizzo quotidiano
  • Migliorate la navigazione e la ricerca tra i file del computer

Lati Negativi

  • Driver ancora da mettere a posto
  • Prestazioni insufficienti nei giochi basati su OpenGL
  • Funzionalità di sicurezza troppo invasive
  • La "Risoluzione problemi" non funziona

Hardware

Abbiamo provato Windows Vista su un PC dotato di Pentium 4 2,4 GHz HT, con 2 GB di RAM e scheda video ATI Radeon X800XT AGP. Nell'utilizzo "normale" del computer, le prestazioni sono sostanzialmente analoghe a quelle ottenute, sullo stesso computer, da Windows XP.

Link

Recensione

Rinfoderiamo il WOW...

C'è davvero bisogno di affrettarsi?

di Simone Soletta, pubblicato il

Al termine della nostra prima esperienza in compagnia di Windows Vista è giunto il momento di tirare una riga e di sommare i vantaggi e gli svantaggi che il nuovo sistema operativo, al momento, porta con sé. Windows Vista è un sistema operativo molto importante, tra gli aggiornamenti più "seri" che Microsoft ha realizzato nonostante la mancanza di alcune caratteristiche annunciate, WinFS su tutte. Ma il Windows di sesta generazione (Windows XP era, burocraticamente parlando, un aggiornamento in chiave consumer-multimediale di Windows 2000) merita davvero tutto quest'entusiasmo?

PAROLA D'ORDINE: ASPETTARE

Probabilmente la risposta è no, anche guardando al nuovo sistema abbandonando momentaneamente l'approccio tipico del videogiocatore esigente. Come tutti i sistemi operativi di casa Microsoft, anche Vista soffre di alcuni momenti di empasse causati principalmente dall'immaturità (o dalla completa assenza) dei driver realizzati dai produttori di hardware. Nel nostro caso, come descritto in uno degli approfondimenti, il supporto OpenGL garantito da ATI non si è rivelato all'altezza delle aspettative, ci aspettiamo un pannello di controllo più elegante da parte di Creative per le sue X-Fi e alcune periferiche hanno mostrato incompatibilità a vari livelli.
È il caso, per esempio, della scheda TV Cinergy 400 TV di Terratec, riconosciuta e configurata, ma incompatibile con Windows Media Center; o della chiavetta Bluetooth Sitecom CN-521, per la quale non sono stati ancora realizzati driver compatibili con il nuovo sistema. In più, abbiamo dovuto forzatamente pensionare un lettore DVD, un po' datato ma perfettamente funzionante, in quanto poco gradito al sistema DRM di Media Center e Windows Media Player 11: la semplice presenza di questo lettore impediva la riproduzione di dischi DVD Video, anche tentando di visualizzarli utilizzando l'altro lettore montato nel PC! Un problema risolto con meno di 20 Euro, ma il lettore, nonostante i suoi otto anni di età, funzionava perfettamente, anche con Windows Vista, DVD Video a parte.
Considerando il prezzo, non indifferente, richiesto per Windows Vista Home Premium, le cervellotiche procedure richieste per chi decide di acquistare la versione Aggiornamento (è necessario installare prima Windows XP e attivarlo, cosa che vanifica in parte i vantaggi di un'installazione "pulita"), le cose ancora da aggiustare (è già previsto un primo Service Pack) e i driver immaturi, non ci sentiamo di consigliare a occhi chiusi il grande salto. Ed è un peccato, perché Windows Vista, tutto sommato, si fa apprezzare per molte delle sue nuove caratteristiche.

EVOLUZIONE, NON RIVOLUZIONE

È davvero difficile tornare a Windows XP dopo aver provato a fondo Windows Vista: l'eleganza dell'interfaccia utente è innegabile e le nuove funzionalità di navigazione nel computer rendono l'utilizzo del computer più semplice e intuitivo. Windows Aero fa bene il suo lavoro, non tanto dal punto di vista degli effetti di trasparenza o nel nuovo task-switcher tridimensionale (bello, ma poco più di un gadget visivo), quanto nella rappresentazione di cartelle e file, ora davvero intuitiva grazie alla possibilità di zoomare in tempo reale usando la rotella del mouse e a miniature capaci di mostrare con grande efficacia il contenuto di molti tipi di file. In più, la funzione di ricerca in tempo reale, grazie all'indicizzazione costante dei contenuti presenti sul disco rigido e nella posta elettronica, funziona davvero bene. Va detto però che, come già avvenuto con Windows XP, con questa sesta versione di Windows Microsoft si allinea sostanzialmente alla concorrenza (Apple in primis) e alle funzionalità che offre piuttosto che proporre vere e proprie innovazioni.
Eppure merita un plauso, in questa versione Home Premium, la fusione tra Windows e Media Center, che i possessori di Extender compatibili (compreso naturalmente Xbox 360) potranno sfruttare per centralizzare i propri media digitali da rendere disponibili attraverso la rete locale per una fruizione davvero senza confini. Addirittura, Windows Vista offre una modalità di spegnimento apposita capace di porre il computer in uno stato di ibernazione che permette agli Extender di mantenere l'accesso alle librerie multimediali senza l'obbligo di lasciare il PC "a tutto regime".
Rapido nell'avvio e tutto sommato analogo nella prontezza alla versione precedente, ammesso di avere almeno 1 GB di memoria RAM (ne consigliamo due) per sfruttare al meglio il sistema di caching SuperFetch, nell'utilizzo quotidiano Windows Vista soffre per qualche ramificazione di troppo nel Pannello di Controllo e nelle varie schermate delle opzioni, pensata evidentemente per rendere più semplice l'approccio da parte degli utenti meno esperti, ma di fatto confusionaria. In più, è davvero poco sopportabile la continua invadenza dei tanti avvisi di protezione (Controllo Account Utente, la barra gialla di Explorer) che rischiano di rendere l'utilizzo del computer talmente macchinoso da suggerire una pronta disabilitazione.
Insomma, per chi utilizza il PC principalmente per giocare è forse consigliabile attendere qualche mese prima di installare Windows Vista: confidiamo che presto i driver più importanti verranno aggiornati e che quindi la transizione potrà essere meno traumatica... giusto in tempo per godere dei primi giochi pensati e realizzati per le DirectX 10.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Spesso gli appassionati si trovano davanti al dilemma: "acquistare oggi o aspettare due mesi?". Solitamente, in ambito hardware, i "due mesi" indicano la disponibilità di schede più potenti o di periferiche aggiornate, ma è chiaro che porsi continuamente questa domanda significa non acquistare mai nulla. I "due mesi", però, sentiamo di consigliarli a tutti i giocatori interessati a passare a Windows Vista. Sebbene il sistema sia già ora abbastanza efficiente e rappresenti in molte funzionalità un passo avanti rispetto a Windows XP, al momento è proprio con i giochi - in special modo quelli basati su OpenGL - che le prestazioni deludono. Meglio quindi stare affacciati alla vecchia finestra in attesa di tempi migliori.