Genere
Guida
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
3+
Prezzo
42,90 Euro
Data di uscita
15/12/2007

WipEout Pulse

WipEout Pulse Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment
Sviluppatore
Sony Studio Liverpool
Genere
Guida
PEGI
3+
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
15/12/2007
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
8
Prezzo
42,90 Euro
Formato Audio
Stereo

Hardware

WipEout Pulse richiederà una console PSP e una confezione originale del gioco. La presenza di una Memory Stick è richiesta per i salvataggi e per tutte le operazioni riguardanti il Photo Mode e l'editor con cui personalizzare l'aspetto delle navicelle. Sono inoltre previsti contenuti aggiuntivi scaricabili in contemporanea con la pubblicazione del gioco.

Multiplayer

WipEout Pulse supporterà il multiplayer sia in modalità Ad Hoc che Infrastruttura.

Link

Intervista

WipEout Pulse: intervista a Tony Buckley

Sony Studio Liverpool schiude i suoi segreti davanti ai nostri occhi.

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Nextgame.it: Pensate di supportare la Go!Cam per PSP?

Tony Buckley: Attualmente non c'è nulla nel design del gioco che possa supportare questo dispositivo, a parte i grossi cartelloni pubblicitari che è possibile osservare ai lati dei tracciati. In teoria non dovrebbe essere difficile fare in modo che il giocatore possa per esempio scattare una foto e visualizzarla su questi cartelloni. In ogni caso non credo che il gioco supporterà la Go!Cam al momento della sua pubblicazione ma, eventualmente, in seguito.

Nextgame.it: Pubblicherete contenuti scaricabili per il gioco subito dopo la sua pubblicazione?

Tony Buckley: Sì, inizialmente saranno contenuti abbastanza prevedibili, ovvero nuovi tracciati e nuovi mezzi. Ci piacerebbe anche provare a inserire qualche nuova modalità di gioco, ma crediamo che i nuovi circuiti siano in realtà i contenuti più attesi e desiderati dai giocatori di Wipeout.

Nextgame.it: Sono previste differenze di alcun tipo tra la versione europea, quella americana e quella giapponese?

Tony Buckley: Assolutamente no.

Nextgame.it: Avete incontrato particolari difficoltà nel creare la modalità multiplayer online?

Tony Buckley: La maggior parte delle difficoltà nel creare questa modalità non risiede nel gioco in sé, ma nei server che poi ospiteranno le partite. La sfida più difficile sarà poi riuscire a realizzare un servizio di gioco globale; normalmente infatti i servizi di gioco online in modalità Infrastruttura sono separati per i vari territori (USA, Europa e Giappone) ma a noi piacerebbe che, per esempio, un giocatore americano appena sveglio al mattino possa trovare parecchi sfidanti online, magari connessi da altri territori in cui è già pomeriggio. L'interfaccia che abbiamo realizzato è molto semplice, in modo da minimizzare i tempi morti, e non consente quindi di socializzare ma solo di sfidarsi e giocare. Tutto ciò che concerne la socializzazione tra giocatori è stato invece inserito nel sito ufficiale.

Nextgame.it: Puoi descriverci il Photo Mode?

Tony Buckley: Posso anche mostrartelo! (segue dimostrazione pratica che andiamo brevemente a riassumere. NdR) Il Photo Mode è accessibile in qualunque momento dal menu Pausa del gioco, anche a gara finita grazie al fatto che l'intelligenza artificiale continua comunque a gareggiare contro se stessa. Da questo menu è possibile selezionare l'inquadratura preferita tra quelle disponibili, scegliere se visualizzare o meno l'interfaccia del gioco, zoomare a piacere sul mezzo e infine salvare l'immagine in formato JPEG sulla propria Memory Stick. Sta poi al giocatore decidere come condividere gli screenshot con i suoi amici, per esempio attraverso la connessione Wi-Fi della PSP, o copiandoli direttamente sul proprio computer via USB.

Nextgame.it: A proposito della caratteristica denominata Mag-Strip, è stata inserita in tutti i circuiti o solo in alcuni?

Tony Buckley: Le zone Mag-Strip sono state utilizzate in circa metà dei circuiti presenti nel gioco quindi possono anche essere presenti in multiplayer dal momento che tutti i circuiti sono utilizzabili in multiplayer. L'idea alla base della funzionalità Mag-Strip è quella di consentire alcune varianti alla forma dei circuiti che altrimenti non sarebbero state possibili. All'interno di una Mag-Strip il mezzo aderisce al circuito e non può "cadere": in questo modo è possibile percorrere tratti in discesa a strapiombo o tratti estremamente ondulati, come attorcigliati su se stessi, e donare quindi un po' di dinamismo e varietà ai circuiti.