Genere
MMORPG
Lingua
ND
PEGI
12+
Prezzo
ND
Data di uscita
7/12/2010

World of Warcraft: Cataclysm

World of Warcraft: Cataclysm Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Blizzard Entertainment
Sviluppatore
Blizzard Entertainment
Genere
MMORPG
PEGI
12+
Distributore Italiano
Activision Blizzard Italia
Data di uscita
7/12/2010

Hardware

Tra i requisiti consigliati figurano un processore Intel Core 2 Duo a 2.0 GHz o AMD Athlon 64 X2 3800+, 2 GB di RAM di sistema e una scheda grafica a partire da una GeForce 7800 o Radeon x1900. Per accedere a tutti i contenuti del gioco è necessario possedere tutte le espansioni. Disponibile anche in Digital Delivery, Cataclysm costa 29,99 euro e richiede la creazione di un account attraverso Battle.net, nonché il pagamento di un abbonamento mensile.

Multiplayer

Trattandosi di un MMORPG, la sua natura si esprime unicamente nel multiplayer online.

Modus Operandi

Abbiamo iniziato a giocare a World of Warcraft sin dal suo esordio e da allora non ci siamo mai fermati, affrontando tutti i contenuti PVE del gioco, anche se per lo più in versione “normal” e dedicandosi al PvP in modo estremamente saltuario.

Link

Speciale

Le altre novità introdotte con la patch 4.3

Dal Transmogrification al Darkmoon Faire

di Tatiana Saggioro, pubblicato il

Questa patch non ha però introdotto nel gioco solo nuovi dungeon: oltre alle ennesime modifiche alle classi, fra le novità vi è anche il "revamp" dell'evento del Darkmoon Faire, festival che si tiene il primo venerdì di ogni mese e dura una settimana, che ora non solo diventa più grande e articolato, ma ha anche una sua zona dedicata. Darkmoon Island, a cui si accede attraverso un portale collocato dove precedentemente si teneva questa fiera: Thunder Bluff, Goldshire ecc. Effettivamente con gli anni questo evento era stato quasi del tutto trascurato dai giocatori, ora invece sembra proprio ritornato in auge. La nuova area presenta infatti diverse attività e utilità. Oltre a tutta una serie di minigiochi come il farsi sparare da un cannone e centrare un bersaglio, il classico tiro a segno, vi sono anche quest che coinvolgono le professioni e, cosa comoda soprattutto per chi ha personaggi secondari, aiutano a guadagnare quelche skill point extra. Completando queste attività si ricevono i classici Ticket da utilizzare per acquistare ricompense di vario genere: oltre a nuove cavalcature, mini pet, si possono trovare anche le repliche dei set di armi e armature dei vecchi dungeon di livello 60, da utilizzare con la nuova funzione del Transmogrification.

Una delle rare cut scene in cui è stato possibile vedere Deathwing - World of Warcraft: Cataclysm
Una delle rare cut scene in cui è stato possibile vedere Deathwing

IL "TRANSFORMICOSO" E LE ALTRE NOVITA'

Saran state forse le continue lamentele sulla mancanza di personalizzazione dei propri personaggi o il design dei nuovi set di armature sempre meno ispirati, fatto sta che Blizzard ha escogitato un sistema per permettere ai giocatori di riutilizzare le skin dei vecchi set di armature applicandole ai nuovi, per dar modo così di crearsi un proprio look. Entra così in gioco il Transmogrificatore (un nome più semplice no?). Basta recarsi dal Transfomigrificatore con l'oggetto di cui vogliamo copiare la skin e, per una discreta sommetta, verrà applicata la skin prescelta sul pezzo corrispondente, tenendo però presente che si possono modificare pezzi della stessa natura e materiali. Non si può infatti applicare la skin di una spada su una daga, così come non si può applicare la skin di un'armatura in cloth su una in mail. Una soluzione tutto sommato intelligente per dare almeno un po' la sensazione di poter personalizzare il proprio personaggio, con in più il vantaggio di popolare nuovamente i vecchi dungeon alla ricerca del pezzo di cui si vuole ottenere la skin. Visto però che tutto questo implica il tenersi in banca anche decine di set di vecchi equipaggaimenti, al Transmogrificatore è stato affiancato il Voidstorage, una nuova forma di banca dove si possono collocare solo equipaggiamenti e oggetti con determinate caratteristiche: non devono essere "unici" e devono essere vincolati al proprio personaggio ( "soulbound"). Il costo per depositare un singolo pezzo non è economicissimo e si deve pagare anche per il ritiro, inoltre un equipaggiamento, una volta depositato nel voidstorage perde qualsiasi incanto e gemma. È uno spazio pensato soprattutto per i "collezionisti", per depositare oggetti come i tabard, equipaggiamenti a cui si è affezionati e che forse un giorno vorremo utilizzare con il Transmogrification, ma trattandosi sempre di spazio aggiuntivo, nonostante le limitazioni, non possiamo che apprezzarne l'arrivo. A questa carellata di nuove funzioni si aggiunge forse la funzione più controversa: il Raid Finder. Come già accade con il Dungeon Finder, questo strumento permette di assemblare un gruppo di venticinque giocatori per affrontare un raid dunegon in una versione però più semplificata rispetto alla normale difficoltà. Questo accorgimento serve per ovviare alle problematiche di coordinazione e alla mancanza di comunicazione vocale, aggiungendo così di fatto nel gioco una terza difficoltà per i raid dungeon, oltre al normal e hard mode (le ricompense poi sono le stesse, pur con statistiche inferiori). Il vantaggio di questo sistema è che permette anche ai casual gamer di accedere ai raid dungeon, come e quando si vuole, senza per forza far parte di una gilda organizzata. Lo svantaggio sta nella minor organizzazione e nel rischio di trovare giocatori con poca esperienza che inficino la godibilità dell'esperienza. Questa nuova utility ha non a caso diviso la comunità: se da una parte questo sistema permette infatti di fruire dei contenuti alle più disparate tipologie di giocatori, dall'altra si teme una svolta del gioco troppo orientata ai casual gamer, trascurando le altre tipologie di utenti.

Uno dei tanti miniggiochi presenti alla fiera - World of Warcraft: Cataclysm
Uno dei tanti miniggiochi presenti alla fiera

TEMPO DI BILANCI

Tirando le somme, per quel che riguarda i contenuti PVE, in questa ultima patch c'è tutto quello che avremmo sempre voluto vedere nel gioco: storia, personaggi, meccaniche intriganti, nuove funzioni... se Blizzard avesse trattato con la stessa qualità anche i contenuti precedenti avremmo nei confronti di questa espansione qualche rammarico in meno. Poi va detto che per Cavern of Time abbiamo sempre avuto un debole: come concetto è infatti una delle caratteristiche di World of Warcraft che preferiamo. Introdotto ai tempi di The Burning Crusade, consente di inserire nel gioco eventi del passato importanti, creando un collegamento con la saga di Warcraft e nel contempo arricchendone la trama che, purtroppo, non viene sfruttata come ci piacerebbe e vorremmo invece molto più presente nel gioco. Le meccaniche delle nuove instance da cinque, anche se non particolarmente complicate, le rendono estremamente godibili, con alcune idee molto azzeccate, come l'utilizzo della clessidra per far tornare indietro il tempo durante lo scontro finale di Hour of Twilight. Inoltre, le instance sono estremamente curate. Si può notare anche l'utilizzo di nuovi modelli per gli NPC e una grafica migliorata, soprattutto in Well of Eternity, la cui struttura fa tornare alla mente il raid dungeon di Sunwell, uno sforzo forse eccessivo per un dungeon da cinque che ci sarebbe invece piaciuto fosse stato sfruttato come raid istance. Ma questi contenuti saranno in grado di mantenere l'interesse dei giocatori fino all'arrivo di Myst of Pandaria? Va infatti considerato che questi contenuti sono da poco stati inseriti nel gioco e che dovranno durare fino alla nuova espansione, che si spera esca entro la prima metà del 2012. Anche perché a minacciare World of Warcraft non c'è solo il lato oscuro della Forza, ma anche Diablo III, la cui uscita rischia seriamente di spostare un'utenza ormai annoiata da quello che per ora rappresenta la novità del momento, ma che nei prossimi mesi rischia di esser diventato già troppo ripetitivo.


Commenti

  1. Seph|rotH

     
    #1
    Gran patch, ma spero che abbiano qualcosa in serbo pre-Pandaria, perchè Pandaria dubito uscirà prima dell'estate e 6 mesi senza content nuovo sono veramente tanti, considerando anche che all'orizzonte ci sono D3 e l'espansione di SC2 che possono portare via più di un player.

    Cla.
  2. Tifa Lockheart

     
    #2
    Al Blizzcon han detto che questa sarebbe stata l'ultima content patch... poi non so se cambieranno idea. Visti però tutti i cavalli che ci son in giro, di gente che ha fatto la sottoscrizione annuale ce n'è... e tutti questi hanno l'accesso garantito alla beta, che di solito parte anche più di tre mesi prima. In pratica se anche Pandaria uscisse a giugno, a marzo la gente inizierebbe già a giocarci!
  3. Seph|rotH

     
    #3
    Se è per questo ho fatto l'annual pass pure io... per Diablo, però, più che per Pandaria (anche perchè se mi spoilero tutta la beta cosa faccio poi quando esce il gioco -.-?).

    Non dico che non ci darò un'occhiata se potrò, però, al di la di quelli col pass, c'è un sacco di gente la fuori che non l'ha fatto e non resterà certo 6 mesi a girarsi i pollici (chi fa solo pvp come me è abituato a girarseli, ma chi fa pve meno), considerando che ora pure Everquest 2 è diventato f2p (e lato PvE non ha nulla da invidiare a WoW, anzi...).

    Cla.
  4. Tifa Lockheart

     
    #4
    Questo è certo, infatti nei prossimi mesi assisteremo sicuramente ad un drastico calo di giocatori... bisogna vedere se Pandaria sarà poi in grado di riprenderseli.
  5. Mattia Bc

    #5
    Sicuramente Cataclysm è stata un'espansione un pò sotto tono, più a parole forse che a fatti. E la semplicità di Hour of Twilight rischia seriamente di lasciare molti con le mani in mano per molto tempo prima dell'uscita della prossima espansione. Anche se leggendo i vari blue-post Blizzard i lavori di MoP sembra siano già a buon punto e pertanto forse potremo vedere la nuova espansione prima di quanto pensiamo.

    La possibilità che molti lascino il gioco è reale, speriamo che MoP sappia essere così coinvolgente come annunciato, rendendo divertente l'aspetto PvP che sembrà sarà particolarmente sottolineato, assumendo un importanza fino ad ora mai vista.

    Mattia - Battlecraft.it - Fan Site ufficiale italiano Blizzard
  6. Seph|rotH

     
    #6
    Mattia BcSicuramente Cataclysm è stata un'espansione un pò sotto tono, più a parole forse che a fatti. E la semplicità di Hour of Twilight rischia seriamente di lasciare molti con le mani in mano per molto tempo prima dell'uscita della prossima espansione. Anche se leggendo i vari blue-post Blizzard i lavori di MoP sembra siano già a buon punto e pertanto forse potremo vedere la nuova espansione prima di quanto pensiamo.

    La possibilità che molti lascino il gioco è reale, speriamo che MoP sappia essere così coinvolgente come annunciato, rendendo divertente l'aspetto PvP che sembrà sarà particolarmente sottolineato, assumendo un importanza fino ad ora mai vista.

    Mattia - Battlecraft.it - Fan Site ufficiale italiano Blizzard

    Cataclysm ha pagato l'immenso lavoro di restyling dei territori/questlines di Vanilla passato in sordina per la maggior parte dei player. Qualcuno avrà sicuramente creato qualche alt per vedere cos'è cambiato, ma da qui a rifarsi 60 livelli, ce ne corre. Io stesso ho creato qualche alt, ma li porto avanti a tempo ultra-perso.


    Livellare 1-60 è oggi a tutti gli effetti un'esperienza in gran parte nuova, a causa dei territori devastati dal cataclisma e dalla storia dei territori contesi che è "andata avanti" pure lei. E' chiaro che per chi gioca solo end-game (magari con lo stesso pg da una vita) sta feature vale meno del due di picche quando la briscola è fiori, ma secondo me Cata, proprio per il revamp di Vanilla, è la mejo espansione vista finora.


    Cla.
  7. Tifa Lockheart

     
    #7
    Mattia BcSicuramente Cataclysm è stata un'espansione un pò sotto tono, più a parole forse che a fatti. E la semplicità di Hour of Twilight rischia seriamente di lasciare molti con le mani in mano per molto tempo prima dell'uscita della prossima espansione. Anche se leggendo i vari blue-post Blizzard i lavori di MoP sembra siano già a buon punto e pertanto forse potremo vedere la nuova espansione prima di quanto pensiamo.

    La possibilità che molti lascino il gioco è reale, speriamo che MoP sappia essere così coinvolgente come annunciato, rendendo divertente l'aspetto PvP che sembrà sarà particolarmente sottolineato, assumendo un importanza fino ad ora mai vista.

    Mattia - Battlecraft.it - Fan Site ufficiale italiano Blizzard

    Sei della redazione di Battlecraft.it? Complimenti un bel portale, lo seguo spesso.

    Secondo me è stata sottotono sia nei fatti che nelle parole... specie rispetto agli annunci dati durante il blizzcon 2010. E' vero che i lavori di restyling han portato via parecchio tempo, ma molti di questi sono stati anche superflui, specie nel revamp dei primi 60 livelli, dove nelle varie regioni han aggiunto talmente tante quest (di cui fin troppe sullo stile: "ammazza XX mob"), che a metà di una zona eri già pronto per passare alla successiva. Un grind eccessivo, dato che fra istance e professioni l'exp si fa velocemente...
    Però rispetto al passato ho come la sensazione che WoW sia allo sbando, ad esempio ad agosto per l'intervista alla
    Gamescon, ho fatto espressamente chiedere se, anzichè la politca del
    "nerf", non era meglio introdurre una terza difficoltà. La riposta fu
    che erano pienamente soddisfatti di come stavano le cose... dopo neppure un paio di mesi annunciavano il Looking
    for Raid e di fatto una terza difficoltà. Cambi idea così velocemente o vai per tentativi?

    Io poi trovo che già ora i server si siano svuotati, le gilde faticano a completare i roster e/o a trovare giocatori, i raid da 25 son quasi del tutto scomparsi... e rispetto all'anno scorso, che si era nel pieno di ICC, noto molto la differenza.. e temo che fra Old Republic (molte gilde di wow stan preparando la versione omologa in star wars) e Diablo, fra gennaio e marzo, wow si svuoterà pesantemente. E, nonostante a me piaccia moltissimo l'idea di pandaria, temo non sia un appeal abbastanza forte per riprendersi l'audience persa (che a quel punto per altro avrà anche guild wars2 a cui guardare).

    Per quel che riguarda Pandaria, il PVP sta a WoW come io alle passerelle di Victoria Secret's^^;

    Non mi farei molte illusioni su un pvp quasi in stile RvR, fino ad oggi è stato un elemento "esterno"/opzionale relegato in zone nettamente separate dal resto: Wintergrasp, Tol Barad. Non credo cambieranno filosofia...
  8. Seph|rotH

     
    #8
    Spero almeno che non facciano più come Lol Barad, in cui è praticamente impossibile entrare, a meno di non cliccare la coda 1 secondo dopo che è possibile (e a volte non basta nemmeno).

    La cosa è abbastanza irritante, visto che vincere un Lol Barad equivale, come punti, a vincere 3/4 bg in una botta sola.

    Cla.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!