Genere
MMORPG
Lingua
ND
PEGI
12+
Prezzo
ND
Data di uscita
7/12/2010

World of Warcraft: Cataclysm

World of Warcraft: Cataclysm Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Blizzard Entertainment
Sviluppatore
Blizzard Entertainment
Genere
MMORPG
PEGI
12+
Distributore Italiano
Activision Blizzard Italia
Data di uscita
7/12/2010

Hardware

Tra i requisiti consigliati figurano un processore Intel Core 2 Duo a 2.0 GHz o AMD Athlon 64 X2 3800+, 2 GB di RAM di sistema e una scheda grafica a partire da una GeForce 7800 o Radeon x1900 in su. Per accedere a tutti i contenuti del gioco è necessario possedere tutte le espansioni. Cataclsym costerà 29,99 euro e richiederà un abbonamento mensile.

Multiplayer

Trattandosi di un MMORPG, la natura del gioco si esprime unicamente nel multiplayer online.

Link

Anteprima

Nuove regioni da esplorare

Le novità che troveranno i giocatori da livello 80 a 85.

di Tatiana Saggioro, pubblicato il

World of Warcraft compie sei anni questo mese e sembra non dimostrarli: certamente non è graficamente alla pari con i titoli di ultima generazione, ma per quello che siamo riusciti a testare fino ad ora, è una signora che invecchia bene, sia nei contenuti che visivamente. Per approfondire il discorso, vi proponiamo una chiacchierata con il Game Director Tom Chilton, nella quale gli abbiamo fatto alcune domande, anche piuttosto specifiche, sull'espansione in arrivo.

Nextgame.it: Cataclysm propone una revisione piuttosto corposa del mondo di World of Warcraft. Pensi che le novità possano rappresentare un problema, non tanto per i giocatori storici, ma per i nuovi arrivati, che magari hanno personaggi di basso livello e si ritrovano inadeguati ad affrontare l'Outland?

Tom Chilton: Sicuramente la nuova situazione potrebbe creare un po' di confusione nei giocatori al primo approccio col gioco. I cambiamenti alla timeline, con l'inclusione dell'Outland... Per il momento, molto semplicemente, si tratta di qualcosa che abbiamo accettato, un rischio che vogliamo correre, mentre più avanti ci prenderemo il tempo di trovare una soluzione, aggiornando quelle aree per renderle più coerenti col resto del mondo di gioco. Per il momento, sì, alcuni potrebbero essere un po' spiazzati, ma penso ci siano anche un gran numero di giocatori che conoscono perfettamente la situazione e possono aiutare i novellini.

Nextgame.it: Con Cataclysm vengono introdotte due nuove razze, nuove zone di partenza e anche modifiche alle vecchie zone di partenza, oltre a tanti altri cambiamenti. Può rappresentare quindi una buona occasione per iniziare a giocare con un personaggio alternativo. Anche alla luce di questo, non pensi potrebbe essere interessante legare gli achievement all'account del giocatore, invece che al singolo personaggio?

Tom Chilton: Senza dubbio. Legare gli achievement all'account è uno dei nostri obiettivi. Purtroppo ci sono degli ostacoli tecnici da superare, e per questo motivo non riusciremo a ottenere qualcosa del genere in tempo per il lancio di Cataclysm. Il problema è che l'unico modo per riuscirci velocemente, consisterebbe nel legare gli achievement all'account solo a livello di database del server e del Battle Group su cui stai giocando. E se decidi di utilizzare un altro personaggio altrove, non saremmo in grado di far trasmigrare anche lì gli achievement. Si tratta comunque di qualcosa su cui stiamo lavorando e che ci aspettiamo di riuscire a risolvere prima o poi. Non nell'immediato, però.

Nextgame.it: E ci saranno aiuti di altro tipo per chi vuole giocare con personaggi diversi, come gli oggetti legati all'account?

Tom Chilton: Sicuramente aumenteranno, ne introdurremo di nuovi, soprattutto per il livello 85, e ovviamente conserveremo quelli che già esistono. Ne aggiungeremo di nuovi soprattutto attraverso il sistema di gilde: quando la gilda sale di livello, tutti i membri otterranno accesso a questi oggetti.

Nextgame.it: Come mai la scelta di fissare il level cap a 85 e non a 90?

Tom Chilton: Si tratta di una decisione basata su diversi fattori: la quantità di quest che stiamo introducendo, se abbiamo nuove magie e abilità a sufficienza per “giustificare” i livelli aggiuntivi, quanto possa avere senso espandere l'albero dei talenti. Di fondo, volevamo espandere l'albero dei talenti e questa è una cosa che ci ha trattenuti dall'alzare ulteriormente il livello massimo. Inoltre c'erano solo un paio di nuove abilità che volevamo introdurre per ciascuna classe. E per questi motivi, sostanzialmente, abbiamo deciso che non era il caso di andare oltre il livello 85. Anche se va detto che abbiamo un enorme quantitativo di quest, pari quasi al numero di quest che proponemmo nel passaggio dal livello 70 al livello 80. Quindi ci sono molti contenuti nuovi per i giocatori e non bisogna pensare che il minor aumento in termini di level cap stia a indicare uno scarso numero di novità. Anzi, in realtà, se andiamo ad analizzare i contenuti nuovi che si presentano ai giocatori che salgono di livello, in proporzione Cataclysm ne propone di più rispetto a quanto visto in passato.

Nextgame.it: Negli anni avete semplificato molto certi aspetti del gioco. Un esempio a caso: i badge trasferiti dalla borsa ai menu. Che ne pensi della possibilità di eliminare completamente le borse e far gestire le cose tramite menu? Spesso sono fonte di gran confusione nell'organizzarsi, in particolare quando si ha a che gli oggetti legati alle quest.

Tom Chilton: Probabilmente prima o poi forniremo ai giocatori dei metodi per organizzare le loro borse in maniera più semplice e razionale. In senso assoluto, però, credo siano un elemento che aiuta a far percepire il mondo come più vivo, solido, credibile. Non vogliamo che siano troppo scomode da usare, ma allo stesso tempo penso che eliminarle e far gestire l'inventario solo tramite menu farebbe perdere un po' di immedesimazione. Ritrovarsi a dover gestire almeno un po' l'inventario, rende il mondo più “vero”. È difficile farlo passare come un elemento divertente del gioco, ma in sostanza, fino a che rimane gestibile, non troppo scomodo, vale la pena conservarlo, perché ti dà molto in termini di atmosfera.

Nextgame.it: Quanto è diventato importante, negli anni, l'aspetto del collezionismo?

Tom Chilton: È diventato molto importante, soprattutto per gli utenti più fedeli. Ovviamente ciascun giocatore affronta la cosa alla sua maniera e in qualche modo decide quanto questo aspetto debba essere importante. E in fondo è anche questo il suo fascino. Abbiamo creato un sistema di ricompense che non è assolutamente obbligatorio, ma che non per questo passa totalmente inosservato. E a noi piace molto questo aspetto, il riuscire a creare elementi per i quali poi ogni singolo giocatore decide quanto sono interessanti e quanto tempo e impegno valga la pena dedicarvi. Per questo continuiamo a supportare la cosa tramite gli achievement, ma allo stesso tempo non credo vi dedicheremo molta più attenzione di quanto già facciamo. Certamente aggiungeremo nuovi elementi da collezionare, e in questo gioca un discreto ruolo la nuova abilità di archeologia. È dedicata alla raccolta di artefatti, che possono svelarti informazioni e segreti sulla storia del mondo di gioco. E ovviamente sono previste ricompense per chi decide di collezionare questi artefatti. Poi, al di là di tutto, c'è anche il semplice divertimento di dedicarsi alla raccolta: impegnarsi a recuperare oggetti ed elementi di gioco per il semplice fascino dell'attività, a prescindere dai vantaggi e dai potenziamenti che possono donare al personaggio.

Nextgame.it: C'è qualcosa che avresti voluto inserire in Cataclysm, ma sei stato costretto a lasciar fuori per limiti di tempo, o magari per problemi tecnici?

Tom Chilton: Certamente. Avremmo voluto introdurre molti più miglioramenti all'interfaccia e inserire molte più abilità per la personalizzazione degli uniframe, per esempio. Questo genere di migliorie in termini di opzioni e opportunità per il giocatore, diciamo.


Commenti

  1. MacLucio

     
    #1
    Domanda secca...anche alla luce delle modifiche portate da questa espansione, quanto WoW può considerarsi adatto a un giocatore ASSOLUTAMENTE casual.
    Sto cercando un giochillo cui dedicare la manciata scarsa di ore libere mensili... ;)
  2. Tifa Lockheart

     
    #2
    MacLucio ha scritto:
    Domanda secca...anche alla luce delle modifiche portate da questa espansione, quanto WoW può considerarsi adatto a un giocatore ASSOLUTAMENTE casual.
    Sto cercando un giochillo cui dedicare la manciata scarsa di ore libere mensili... ;)


    Molto adatta.
    Fai conto che Blizzard ha fatto questo principalmente perché sono interessati ad attrarre nuovi giocatori. Da un solo esame avevano notato che i nuovi arrivati, smettevano dopo una decina di livelli. Hanno rivoluzionato invece il meccanismo proprio per rendere il gioco, per chi inizia ora, molto più accessibile, comodo e veloce.

    Con strumenti poi come il looking for group, e il fatto che abbiano anche ridisegnato i dungeon iniziali è più facile trovare party e i dungeon saranno più veloci. Poi adesso si guadagnano punti esperienza anche con le professioni, facendo pvp ecc.

    Per altro questo tipo di modifica partirà già da domani, non serve infatti l'espansione, solo che comprando anche l'espansione puoi fare un goblin o un worgen, volare su Azeroth, accedere a più contenuti. Scaricati la versione trail dal sito, che dura una 14 giorni mi pare e dagli un'occhiata, te ne rendi conto subito se è adatto ai tuoi ritmi. Ma con il fatto che WoW si basa tanto sulle quest, direi che per chi ha poco tempo e logga giusto per farsi le sue missioncine è perfetto, se poi hai vogli di provar eil pvp, un battleground dura una decina di minuti...




  3. MacLucio

     
    #3
    Grazie Tifa, molto molto chiara...mi sta venendo voglia... :D
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!