Genere
MMORPG
Lingua
Inglese
PEGI
12+
Prezzo
€ 39,90
Data di uscita
13/11/2008

World of Warcraft: Wrath of the Lich King

World of Warcraft: Wrath of the Lich King Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision Blizzard
Sviluppatore
Blizzard Entertainment
Genere
MMORPG
PEGI
12+
Distributore Italiano
Activision Blizzard Italia
Data di uscita
13/11/2008
Lingua
Inglese
Prezzo
€ 39,90

Hardware

Le richieste hardware di World of Warcraft: Wrath of the Lich King saranno identiche a quelle del gioco di base, quindi per nulla proibitive.

Multiplayer

World of Warcraft: Wrath of the Lich King è un gioco di ruolo pensato esclusivamente per il multiplayer online.

Link

Intervista

Alla corte del Re dei Lich

Blizzard ci parla della seconda espansione di "WoW".

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Nextgame.it: Passiamo alla Hero Class che è stata appena svelata, il Death Knight: la sua presenza suggerisce che ne saranno svelate altre in futuro...

Blizzard: È ovvio che ciascuno di noi, del team di sviluppo, ha svariate idee su quali Hero Class vorrebbe vedere in futuro nel gioco e il Death Knight ha quindi un grande valore come "test".

Nextgame.it: Sarà possibile inserire nuove Hero Class senza bisogno di "collegarle" a un'espansione specifica?

Blizzard: Non abbiamo ancora deciso se le Hero Class vadano collegate o meno a una singola espansione. Ovviamente è molto più semplice introdurre una novità di questo tipo insieme a un'espansione ma, tecnicamente, non siamo costretti a farlo. Non è escluso quindi che le prossime Hero Class verranno introdotte tramite patch.

Nextgame.it: Una delle altre novità annunciate di questa espansione è l'introduzione degli edifici demolibili: qual è la principale ricaduta sul gameplay di questa novità?

Blizzard: Una cosa che abbiamo imparato, lavorando ai contenuti Player vs. Player di World of Warcraft, è che i giocatori hanno bisogno di avere uno scopo, un obiettivo che vada oltre la semplice uccisione dei nemici. Nel caso di accampamenti o città da difendere, crediamo che sia importante, per i giocatori che attaccano, avere un riferimento "visuale" in merito agli edifici che vogliono distruggere, sentire insomma che stanno infliggendo un danno "fisico" e tangibile agli avversari.

Nextgame.it: Si tratta quindi di una novità puramente estetica?

Blizzard: Non direi, dal momento che insieme agli edifici demolibili introdurremo anche le nuove armi da assedio, come le catapulte, che aggiungeranno sicuramente qualcosa ai cambattimenti anche dal punto di vista del gameplay.

Nextgame.it: È un elemento che avreste voluto inserire prima?

Blizzard: Sì ma c'erano alcuni problemi tecnici da risolvere, non tanto per quanto riguarda il motore grafico, che avrebbe potuto gestire questa caratteristica sin dall'inizio, bensì sul versante client/server. Di recente abbiamo deciso di dedicare un po' di tempo alla risoluzione di questi problemi, legati appunto alla natura "massive multiplayer" del gioco, e finalmente ci siamo riusciti.