Genere
Guida
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
€ 59,90
Data di uscita
14/10/2011

WRC 2

WRC 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Black Bean Games
Sviluppatore
Milestone
Genere
Guida
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
14/10/2011
Lingua
Tutto in Italiano
Prezzo
€ 59,90

Lati Positivi

  • Migliorato nella grafica e nella guida
  • Carriera lunga e interessante
  • Buon design dei tracciati
  • Impegnativo con un volante

Lati Negativi

  • Modello fisico con varie stranezze
  • Fluidità e dettaglio perfezionabili
  • Novità limitate sul primo capitolo

Hardware

WRC 2 è disponibile per PC, Xbox 360 e PlayStation 3. La versione testata è quella per PS3.

Multiplayer

Oltre al gioco online, troviamo il classico multiplayer "hot seat" cioé basato sullo scambio di controller affrontando a turni le varie tappe.

Modus Operandi

Black Bean ci ha inviato un codice review per console PS3 debug, cioé una versione quasi definitiva funzionante in tutti gli aspetti principali. Durante la prova, sono emersi alcuni lievi bug nell'interfaccia grafica che dovrebbero sparire nella versione completa per i negozi.
Recensione

Il primo adesivo va sul cofano

La carriera, gli aggiornamenti e il personale.

di Alessandro Martini, pubblicato il

Sul fronte di modalità e contenuti non ci sono grandi stravolgimenti dal primo episodio e viene confermata la stessa struttura, fatta di un lato "su licenza" e una parte più personalizzabile. Oltre al campionato WRC completo e modificabile (nel numero e nel tipo di piste) ritroviamo una classica carriera che ci vede scalare la strada verso il successo iniziando dai team minori. Lunga e abbastanza impegnativa nelle fasi più avanzate, unisce alcuni aspetti manageriali alla corsa vera e propria.

meccanici e PR al potere

Al di fuori del tracciato, troviamo una serie di menu legati alla gestione del nostro team che permette di assumere o licenziare meccanici e pubblicitari. I primi, in numero e abilità differenti, sono utili allo sviluppo di nuovi componenti meccanici, mentre i secondi servono ad attirare nuovi sponsor (e quindi denaro da spendere in nuove auto e modifiche). L'insieme viene gestito con il classico sistema in stile gioco di ruolo fatto di livelli e punti esperienza guadagnati a suon di vittorie. Oltre agli obiettivi classici, come vincere una tappa o un intero campionato, troviamo quelli dinamici legati a sponsor e piloti rivali. Può capitare di dover battere un altro pilota in una tappa specifica, di non usare mai l'effetto Rewind o di raggiungere una posizione elevata a fine rally. Riuscendoci, avremo un bonus in denaro e potremo sbloccare nuovi elementi di personalizzazione per la vettura. Proprio sbloccando nuovi contenuti bonus e salendo di livello si ha la sensazione di far crescere costantemente il proprio team, dalla prima utilitaria monocromatica senza scritte ai "mostri" customizzati ricchi di alettoni e loghi sulla carrozzeria. Purtroppo, come capita in tono minore nella serie SBK, non c'è nulla attorno alla gara e fuori dai menu: nessun filmato o intermezzo per vittorie o nuovi contratti, nessuna premiazione nel dopo gara, e così via. Per quanto la nuova interfaccia grafica e le sue icone siano molto meglio dell'anno scorso, a lungo andare la sola vista di scritte e numeri, più l'auto selezionata sullo sfondo, diventa monotona. Lo stesso discorso si può estendere a tutto il gioco, campionato WRC compreso. Pur avendo auto e piloti reali, manca qualsiasi presentazione o intermezzo televisivo a creare un minimo di atmosfera. Togliendo nomi e loghi, WRC 2 potrebbe essere un qualsiasi gioco di rally, mentre con un pizzico di attenzione al "contorno" avrebbe guadagnato molto più carattere.

Oltre alle auto del campionato WRC, troviamo molti modelli di serie e storici - WRC 2
Oltre alle auto del campionato WRC, troviamo molti modelli di serie e storici

ed ora torniamo al volante

Sul lato realizzativo, la grafica è migliorata sensibilmente rispetto al primo WRC, ma ha ancora troppe imperfezioni per giocarsela con i pesi massimi della categoria Off-Road (leggasi DiRT 3 e MotorStorm Apocalypse). Si nota sopratutto un draw-in troppo visibile sulla distanza, con ombre e pezzi di scenario che appaiono in netto ritardo, un frame-rate ballerino in certe tappe, insieme a una definizione costantemente afflitta da aliasing. Detto questo, appaiono evidenti i passi in avanti compiuti sul lato dell'illuminazione e degli effetti speciali, oltre a una migliore gestione delle telecamere nei replay. Nelle fasi più riuscite, WRC 2 arriva molto vicino a DiRT 3 in quanto a resa grafica, mentre più spesso emerge qualche ambientazione troppo scarna e colori fin troppo spenti. Per quanto riguarda l'audio, ritroviamo effetti discreti e i navigatori "esaltati" dell'originale che urlano e commentano ogni situazione, risultando quasi fastidiosi. Come utilità in gara, comunque, risultano puntuali ed efficienti nel segnalare curve e conformazione del terreno (e possiamo decidere con quale tempismo). In definitiva, abbiamo un gioco di rally che ha compiuto alcuni sostanziosi passi in avanti rispetto alla prima uscita, a cui servono altre modifiche per diventare un punto di riferimento. Se amate il rally classico, però, è l'unica scelta che potete fare.

Voto 3 stelle su 5
Voto dei lettori
Grazie ai miglioramenti, WRC si conferma buona proposta nel genere rally, sopratutto per i fan dello sport reale, ma manca ancora degli spunti decisivi. Qualche ritocco e avremo un concorrente degno del podio.

Commenti

  1. AndreaTO

     
    #1
    Gran gioco, il Race Pro dei giochi di rally.

    Meno votato allo spettacolo visivo di Dirt3 ma decisamente orientato alle sensazioni di guida: sicuramente il gioco rallistico che meglio incarna lo spirito di due capolavori dello sterrato come CMcRR e CMcRR2.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!