Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Prodotti
Notizie

Skyrim in Real Life: la star di TikTok arrestata per duplice omicidio

Il creatore della celebre parodia Skyrim in Real Life si trova in stato di fermo con l'accusa di aver ucciso la moglie e un suo amico.
Il creatore della celebre parodia Skyrim in Real Life si trova in stato di fermo con l'accusa di aver ucciso la moglie e un suo amico.

Moltissimi, tra il popolo di videogiocatori, conoscono bene la serie Skyrim in Real Life. Si tratta di una parodia “a puntate” del celebre gioco di ruolo di casa Bethesda, che prova ad immaginare come si integrerebbero le – legnose! – meccaniche del quinto capitolo di The Elder Scrolls nella vita reale.

Ebbene, ora arriva una notizia purtroppo a tinte tragiche che coinvolge proprio il creatore della serie, Ali Nassar Abulaban, conosciuto in rete come JinnKid.

L'uomo, che conta 950.000 follower su TikTok e circa 170.000 iscritti al proprio canale YouTube, è stato infatti arrestato dalle forze dell'ordine locali della cittadina in cui vive, East Village, negli Stati Uniti d'America. L'accusa è quella di duplice omicidio, in seguito al ritrovamento dei corpi senza vita della moglie di Abulan, Ana, di 29 anni, e di Rayburn Barron, amico della donna di 28 anni.

@jinnkid

Asking my wife to try impressions! #fyp #4u @anamacewindu #6ix9ine #jinnkid #scarface

♬ original sound – JinnKid

L'ideatore di Skyrim in Real Life è stato quindi fermato dalla polizia, che lo ha accusato di essere l'autore dei due omicidi. Stando a quanto riportato dalla stampa locale – e a quanto si legge sulle pagine di Kotaku -, il tiktoker e la moglie erano vicini alla separazione: l'uomo non avrebbe accettato la situazione, mettendo precedentemente in atto presunte azioni di stalking nei confronti della donna.

Attualmente, Ali Nassar Abulaban si trova in stato di fermo mentre le autorità locali proseguono le indagini sul caso. Tutta la verità sul duplice omicidio verrà a galla solo nel corso del processo, la cui prima udienza è fissata per il 5 gennaio del prossimo anno.

 

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare