Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Prodotti
Notizie

Xbox 360 Red Ring of Death: arriva il poster ufficiale!

Il Red Ring of Death ha segnato i primi anni di Xbox 360: Microsoft ricorda quel drammatico periodo con un poster ufficiale.
Il Red Ring of Death ha segnato i primi anni di Xbox 360: Microsoft ricorda quel drammatico periodo con un poster ufficiale.

È diventato noto come il “Red Ring of Death“: ossia il guasto irreparabile alla propria Xbox 360 segnalato dall'accensione di tre led rossi. E ora arriva il poster ufficiale.

Si è trattato di un problema che ha riguardato molte console delle prime ondate di unità spedite al lancio o poco dopo: il tasso di guasti era talmente elevato che costrinse Microsoft ad adottare misure straordinarie per contenere il problema e garantire agli utenti un supporto immediato.

In quel senso, l'assistenza fornita dal colosso di Redmond fu efficace: non senza qualche intoppo, nel giro di due-tre settimane i giocatori riuscivano a ricevere a casa la propria Xbox 360 riparata o sostituita da una totalmente nuova in forma ovviamente gratuita. Il difetto però spesso era congenito e in molti, anche chi vi scrive, furono costretti a mandare la console in assistenza anche due o tre volte.

Xbox 360

Peter Moore, ex capo di Xbox, riflette su quel periodo durante una puntata di Power One, la docuserie dedicata ai 20 anni del marchio.

Quando abbiamo analizzato il costo delle riparazioni e le vendite in perdita che abbiamo preso in considerazione, è sorto un problema di circa 1.15 miliardi di dollari

Il poster ufficiale che ricorda in modo ironico quel fallimento è disponibile sul sito ufficiale di Xbox Gear Shop ad un prezzo di 27.95 euro. Spesso 0.25 millimetri, è stampato su carta di alta qualità proveniente dal Giappone, leggermente lucido e resistente alle impronte. Misura 45×60 cm. Viene spedito anche in Italia.

Insomma, se avete vissuto in prima persona quel periodo potrebbe essere un modo divertente per ricordarlo: per fortuna, le cose migliorarono con le versioni successive della console, fino a diventare un brutto, ma a suo modo iconico ricordo del ciclo vitale di Xbox 360.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare