Genere
Avventura
Lingua
Itaiano
PEGI
ND
Prezzo
19,90 €
Data di uscita
26/2/2016

The Town of Light

The Town of Light Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Genere
Avventura
Data di uscita
26/2/2016
Lingua
Itaiano
Importanza della lingua
Italiano
Giocatori
1
Prezzo
19,90 €
Recensione

Cosa è successo nella città della luce?

Un vecchio edificio abbandonato può nascondere al suo interno tante storie. Possono essere belle o brutte. Felici o drammatiche. Possono fare paura.

di Francesco Forestiero, pubblicato il

Èuna bella giornata d’estate. Guardando fuori dalla finestra vedo un sole splendente. Una leggera brezza rinfresca l’aria. Il cielo è azzurro, senza una nuvola. Una situazione all’apparenza ideale, che dovrebbe rasserenare l’anima. Oggi per me non è così. Con la coda dell’occhio posso scorgere sullo schermo del televisore i titoli di coda di The Town of Light. Seppure solo in maniera virtuale, sono stato per qualche ora all’interno del manicomio di Volterra. E dopo quello che ho visto, c’è poco spazio per sorridere…

The Town of Light è un vero e proprio pugno nello stomaco. Anzi, non uno solo. Una serie di colpi ben assestati, che si susseguono fino a giungere al KO finale. Il titolo sviluppato dai toscani di LKA.it è
un’avventura cruda, che affronta un tema molto delicato con un approccio diretto, sincero e privo di alcun tipo di filtro. La vicenda si sviluppa tra passato e presente ed è incentrata sulla figura di Renée, giovane adolescente che viene ricoverata nell’ospedale psichiatrico di Volterra sul finire degli anni ’30.

Trascorrerai buona parte dell’avventura a camminaretra i padiglioni del manicomio di volterra in cerca di indizi e ricordi. - The Town of Light
Trascorrerai buona parte dell’avventura a camminaretra i padiglioni del manicomio di volterra in cerca di indizi e ricordi.

Accompagnato (e spesso guidato) da una voce fuori campo ti muoverai all’interno di ambienti diroccati
alla ricerca di documenti e oggetti che daranno il via a flashback che ti porteranno a vivere un’esperienza drammatica. La base in termini ludici è molto semplice, le dinamiche di gioco sono ridotte ai minimi termini, e ogni scelta stilistica è stata fatta in funzione dello sviluppo del comparto narrativo.

Camminare, leggere, ascoltare, raccogliere qualche oggetto, aprire qualche cassetto, premere di tanto in tanto un interruttore. Queste sono le azioni che ti accompagneranno nelle tre-quattro ore necessarie per giungere alla conclusione di The Town of Light. Come in molte avventure di stampo moderno, sono stati eliminati completamente enigmi e ostacoli che possano interrompere il ritmo della storia e che possano bloccare i progressi. Non è infatti questo l’obiettivo che si è prefissato il team capitanato da Luca Dalcò. È evidente la volontà di condurre il giocatore in un viaggio che permetta, tramite una storia fittizia, di entrare in contatto con una realtà del nostro paese a molti sconosciuta. Tutto il mondo in cui si sviluppa la vicenda è reale, ed è il frutto di un enorme lavoro di ricerca che ha abbracciato diversi fronti. Dalla lettura di decine di testi sull’argomento alla consultazione di cartelle cliniche dei pazienti, da interviste a psichiatri fino all’utilizzo di foto, immagini e documenti relativi al manicomio, nulla è stato lasciato al caso. Il risultato finale è un titolo non adatto a tutti, che si rivolge solo a un pubblico adulto, capace di processare tutte le informazioni che l’avventura propone. Una produzione coraggiosa, che adotta anche alcune interessanti soluzioni visive, rese meno incisive da una realizzazione tecnica che mostra qualche indecisione. La scelta di utilizzare diversi stili grafici è senza dubbio azzeccata, ma si poteva fare qualcosa di più per conferire maggiore personalità. Ottimo invece il comparto sonoro, apprezzabile nel parlato e nella colonna sonora.

Le pareti dei padiglioni diroccati dell’ospedale psichiatrico di volterra sono coperte da numerosi disegni. - The Town of Light
Le pareti dei padiglioni diroccati dell’ospedale psichiatrico di volterra sono coperte da numerosi disegni.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!